Da Reggio a Bologna per spacciare ai minori

reggio emilia. Due cittadini nigeriani, domiciliati a Busana, sono stati arrestati ieri dalla squadra mobile a Bologna e a Modena. Sono accusati, assieme ad altri otto stranieri, di essere dediti al bivacco e allo spaccio soprattutto di marijuana in numerosi punti del parco della Montagnola (Bologna) come la zona accanto a i bagni pubblici, una terrazza sovrastante la scalinata dell'Hotel "I Portici" e alla sommità della rampa di entrata uscita dal terminal dell'autostazione bolognese.Le ordinanze concludono un'articolata attività investigativa svoltasi da metà maggio a fine giugno 2018 all'interno del parco e che ha portato complessivamente, oltre alle dieci ordinanze di custodia cautelare in carcere, a cinque arresti in flagranza, 30 denunce in stato di libertà e 50 persone fra le quali 10 minorenni sanzionate amministrativamente per uso di sostanze stupefacenti. I gruppi di stranieri arrivavano nel corso della tarda mattinata da altre città (oltre a Busana provenivano anche da Cremona, Modena, Ferrara, Parma e San Giovanni in Persiceto).I primi che giungevano nel parco provvedevano a nascondere lo stupefacente, marijuana e hascisc, in diversi giacigli da cui recuperarlo una volta conclusa la trattativa. Alcuni invece fungevano da palo mentre altri ancora, una volta conclusa la trattativa, si rivolgevano ad un terzo straniero che recuperava la droga da consegnare all'acquirente. -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI