Spikeball e sitting volley sbarcano anche nel Reggiano

Francesca Maninireggio emiliaC'è aria di novità nel mondo della pallavolo, un vento carico d'entusiasmo che sta diffondendo anche nella nostra provincia la passione per lo spikeball e per il sitting volley. Che cosa sono? le nuove disciplineIl primo è la nuova competitiva proposta della Fipav per i giovani atleti Under 12 che da quest'anno affiancherà lo storico minivolley, che d'ora in poi si chiamerà S3, mentre il secondo è uno sport inclusivo derivato dal volley tradizionale, inventato nei Paesi Bassi negli anni Cinquanta, che si gioca stando seduti per terra. È così che il movimento pallavolistico reggiano, di pari passo con quello nazionale, si rimette in gioco ampliando la sua proposta a tutti i livelli: accanto alla tradizionale attività pallavolistica che ogni anno coinvolge centinaia di appassionati reggiani dalla serie A2 agli amatori, ora si fanno largo spikeball e sitting volley. Spikeball«Lo Spikeball è una vera rivoluzione per i più piccoli - spiega Nicola Piccini del Volley Ball San Martino, formatore ufficiale di Spikeball -l'azione inizia con un attacco a una o due mani a cui segue un rimbalzo nel campo avversario prima di fermare la palla. Il gioco prosegue poi i consueti passaggi con modalità che variano in base al livello ed è ammesso anche il muro, permesso dalla rete regolata ad altezza spalla». Con l'obiettivo di avvicinare sempre nuovi appassionati alla pallavolo, la Fipav ha così ripensato il mondo degli Under 12 su tre livelli, bianco, verde e rosso, che permettono di arrivare gradualmente ai gesti tecnici più complessi. Ogni squadra si allenerà al contempo per i concentramenti di S3, che mantiene le regole del minivolley tradizionale, e per quelli di Spikeball che avranno inizio proprio quest'anno. «Nella scorsa stagione - aggiunge Piccinini - abbiamo coordinato un progetto pilota con la scuola Primaria e Secondaria di Primo Grado di San Martino ed è stato un successo: i nostri smartcoach, questo il nome degli allenatori di Spikeball, hanno riscontrato subito grande entusiasmo anche nei maschi, che come è noto sono più restii ad avvicinarsi alla pallavolo in giovane età. Ne è una dimostrazione la nostra Under11-12 tutta al maschile allenata da Irene Andreoli che è già alle prese con la preparazione per affrontare al meglio il doppio impegno con i campionati di S3 e Spikeball». sitting volleyNel mentre la King Volley Campegine brinda alla neonata sezione di sitting volley, l'unica in provincia, diretta dal responsabile Lucio Mioni che illustra le differenze rispetto alla pallavolo tradizionale: non alzare mai i glutei da terra, possibilità di fare muro anche su battuta grazie alla rete più bassa e due campi ridotti da 6x5, per il resto tutto come da copione. «Il sitting volley coniuga agonismo e inclusione - spiega Mioni - come King Volley parteciperemo al torneo misto proposto dalla Fipav Emilia Romagna che prevede la presenza in campo di almeno due disabili fisici, una bella avventura per la quale ci alleneremo ogni mercoledì dalle 19 alle 21 nella palestra comunale di Campegine. Chiunque voglia unirsi a noi è ben accetto, vi aspettiamo per provare questo sport divertente che finalmente conta una squadra anche nella nostra provincia». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI