Cade il tabù: il Milan riagguanta la Fiorentina

TORINOPareggio senza reti tra Torino e Genoa. Un punto che fa sicuramente più comodo ai rossoblù. I granata in piena emergenza lottano ma non riescono a ritrovare la vittoria che in casa manca dal 29 ottobre. Avrebbero meritato qualcosa di più i granata, pericolosi soprattutto nel primo tempo, ma le imprecisioni sottoporta e l'ottima giornata di Perin, mantengono inviolata la porta del Grifone. Per la squadra di Mihajlovic il decimo pareggio in 19 gare allontana i sogni d'Europa, Ballardini si gode un risultato che dà continuità alla rincorsa salvezza. PARMALa Benetton Rugby chiude il 2017 superando 20-16 le Zebre Rugby Club a Parma nel secondo derby stagionale di Guinness Pro14.I Leoni di Kieran Crowley e capitan Budd bissano così il 27-14 fatto segnare all'andata a Monigo, in fondo a ottanta minuti dove il maggiore cinismo e la superiore efficacia dei biancoverdi hanno avuto la meglio sulla franchigia federale di Parma che, specialmente nella prima frazione di gioco, ha concretizzato solo in minima parte il possesso palla e il predominio territoriale.Il bis nel derby d'Italia, con 35 azzurri a lista gara, consolida la quinta piazza dei Leoni nella Conference B del Pro14, mentre le Zebre devono accontentarsi di un solo punto raccolto nel doppio confronto e rimangono al sesto posto della Conference A.Marcatori: primo tempo 2' calcio piazzato Canna (3-0); 7' cp. Banks (3-3); 35' cp. Banks (3-6); 39' cp. Canna (6-6); secondo tempo 5' meta Hayward trasforma Banks (6-13); 10' m. Bellini tr. Violi (13-13); 27' cp. Violi (16-13); 30' m. Budd tr. McKinley (16-20).FIRENZEAlla fine il Milan è parso soddisfatto di questo 1-1 in rimonta a Firenze che ha interrotto la striscia di due ko di fila subiti in campionato.Gattuso temeva la stanchezza da dopo derby di Coppa Italia e anche per questo ha scelto un atteggiamento chiuso, prudente, lasciando fosse la Fiorentina a fare la partita. Tanto che il primo tiro i rossoneri lo hanno fatto al 51', con Suso (bravo Sportiello). Quando però i viola sono passati al 26' con Simeone, il Milan ha provato a scuotersi e con complicità del portiere avversario e di Chiesa è riuscito a passare pochi minuti dopo col neo entrato Calhanoglu, al secondo gol in A. È la prima volta in questa stagione che il Milan rimonta da uno svantaggio: un piccolo ma significativo segnale che Gattuso si tiene stretto. Il risultato non cambia la classifica, la Fiorentina chiude il 2018 col settimo risultato utile di fila in campionato e restando avanti 2 punti sui rossoneri che pure erano partiti in questa stagione con ben altre ambizioni, avallate dalla sontuosa campagna acquisti estivi. Ma questo Milan col passare dei mesi e consapevole delle difficoltà adesso deve per forza volare basso e accontentarsi di essere pragmatico prima che bello. Certo, dopo i ko con Verona e Atalanta pure stavolta ha rischiato grosso: Gigio Donnarumma, al rientro dopo il forfait nel derby di coppa, è stato provvidenziale in almeno tre occasioni, una su Simeone e due su Gil Dias (colpendo anche la traversa sulla respinta). E alla fine del primo tempo Romagnoli se l'è cavata con un'ammonizione sul contatto con Simeone al limite dell'area mentre la Fiorentina invocava il rosso per fallo da ultimo uomo (Banti non ha cambiato idea neppure dopo il Var). Donnarumma. La Fiorentina ha continuato a fare la partita fino al gol di Simeone che ha illuso i propri tifosi, prima del pari d'orgoglio del Milan