Sarà Festuccia il braccio destro di Manghi

REGGIO EMILIAPer la prossima stagione l'aiuto allenatore di Roberto Manghi per quanto riguarda la prima squadra e il settore giovanile dei Diavoli sarà Carlo Festuccia, uno dei migliori tallonatori che l'Italia abbia mai visto. Il curriculum di Festuccia infatti è uno di quelli da far invidia anche alle stelle di questo sport. Cresciuto nella società de L'Aquila Rugby, ha esordito appena maggiorenne nella massima serie italiana. Dopo quattro stagioni da incorniciare, la sua carriera ha fatto due grandi passi, il primo con la maglia del Gran Parma, dove ha cominciato ad assaggiare il rugby europeo e il secondo con quella Azzurra, venendo convocato direttamente in Nazionale Maggiore da Brad Johnstone. Festuccia però non si è fermato, approdando prima al Recing Metro di Parigi, dove è stato al fianco di Martin Castrogiovanni, poi è passato a Londra con i Wasps.Perché ha deciso di tornare in Italia?«La mia famiglia è qui, mia moglie lavora a Parma e l'anno scorso avevo deciso che sarebbe stata l'ultima stagione all'estero. Poi a gennaio, dopo una parentesi con le Zebre, ho avuto la possibilità di tornare a Londra con i Wasps e sono andato, ma l'Italia era la mia destinazione di fine carriera. Ho vissuto 8 anni tra Parigi e Londra, ora è il momento di fare altro». Come vede il suo futuro a Reggio?«Per ora positivo. Conosco Roberto Manghi che è stato il mio allenatore al Gran Parma e Viliami Vaki che è stato un mio compagno di squadra sempre a Parma. La scelta di continuare la mia avventura da allenatore con persone di cui mi fido e di cui conosco il livello professionale per me è stata quindi semplice».(g.d.b.e.)