Computer aggiustati e donati alla scuola

QUATTRO CASTELLA Dodici vecchi computer aggiustati dai ragazzi disabili e poi donati alla scuola elementare di Montecavolo. Proseguono le belle donazioni del progetto DejaVu, che coinvolge i volontari – ed esperti informatici – dell'associazione Credere Vedere e i ragazzi dei centri socio-riabilitativi gestiti dalle cooperative sociali Zora e Stradello. Il progetto prevede il recupero di computer e attrezzature elettroniche ormai datate, che vengono rigenerate e risistemate usando tecnologia e programmi "liberi", e che una volta pronti vengono messi a disposizione di scuole, associazioni, parrocchie ed altre realtà del territorio reggiano. In alternativa, vengono venduti a prezzi ribassati per finanziare il progetto stesso, come accadrà ad esempio in questo fine settimana durante la fiera dell'elettronica di Scandiano. In questi anni sono stati completati decine e decine di rifacimenti. L'ultima tappa ha visto i ragazzi e le ragazze seguiti dal centro socio-riabilitativo Zorella di Puianello impegnati nella sistemazione di dodici computer che poi, completi di monitor, tastiera e mouse, sono stati donati alla scuola elementare di Montecavolo: gli strumenti saranno usati dai docenti per la compilazione del registro elettronico. Alla consegna hanno preso parte i volontari di Credere per Vedere e i ragazzi di Zorella, accolti dagli studenti della classe 5 C. (adr.ar.)