Caire Urbanistica va in liquidazione

REGGIO EMILIA Il tribunale di Reggio ha dichiarato il 31 maggio la liquidazione coatta amministrativa della cooperativa Caire-Ubanistica, di cui era presidente Ugo Baldini, il noto architetto scomparso a fine gennaio all'età di 69 anni a seguito di un'emorragia cerebrale. La società era stata costituita nel 1997 in continuità con l'esperienza della Cooperativa architetti e ingegneri fondata nel 1947. Da quella storica realtà, la più antica cooperativa di lavoratori di concetto d'Europa, nacquero la Caire-Urbanistica e la CairePro. La liquidazione riguarda la società che si occupa di urbanistica, mentre quella attiva nel ramo della progettazione, che è una società distinta, è in salute. La Caire Urbanistica era in crisi da un po' di anni e alla fine del 2015 il Consorzio Stabile Caire è succeduto alla Cooperativa Architetti e Ingegneri – urbanistica. Questa cooperativa era la creatura dell'architetto Baldini, che negli ultimi anni aveva avuto un ruolo di primo piano nella pianificazione urbanistica della stazione Mediopadana e nella progettazione dell'area vasta, comprendente le province di Reggio, Parma, Modena e Piacenza, in stretta collaborazione con l'ingegnere Paolo Genta, presidente di Caire-progettazione, l'altro ramo della storica Caire resosi autonomo nel 1997. Baldini è stato ricordato il 21 maggio all'Università di Reggio nel corso di una giornata di studio al quale ha partecipato anche il ministro Graziano Delrio. La società in liquidazione focalizzava la propria missione nella attività di supporto e consulenza alla attività di pianificazione delle amministrazioni pubbliche locali con particolare attenzione ai temi della pianificazione strategica e della innovazione territoriale. I ritardi nei pagamenti degli enti locali ed altri fattori hanno contribuito alla crisi di questa storica realtà. (j.d.p.)