Matematica, è Ascari il più bravo

E' un vero genio dei numeri lo studente del liceo Ariosto-Spallanzani, che ha trionfato nelle Olimpiadi della matematica organizzate dall'Unione matematica italiana, aggiudicandosi il primo posto nella selezione nazionale disputata domenica presso la colonia Agip dell'Eni di Cesenatico. Si chiama Dario Ascari, frequenta la classe quinta B della sezione scientifica e ha al suo attivo tante affermazioni nelle gare della matematica che fin dalla classe seconda la Scuola Normale Superiore di Pisa gli ha aperto le porte per una serie di stage utilissimi a perfezionarsi in questa specifica disciplina. L'anno scorso s'è classificato al decimo posto ai mondiali svoltisi in Colombia, ai quali parteciperà anche quest'anno recandosi a Città del Capo subito dopo l'esame di maturità. E' stato ammesso anche alle Olimpiadi mondiali della fisica, ma ha dovuto rinunciare per la concomitanza delle date. Tre anni fa è stato premiato da Mario Draghi come il migliore studente italiano di matematica. Alla fase finale hanno partecipato a Cesenatico trecento studenti provenienti da tutta l'Italia. Ne sono stati premiati centocinquanta, di cui 25 con la medaglia d'oro, 50 con l'argento e 75 con il bronzo. Ascari ha fatto l'en plein con 42 punti su 42, precedendo Matteo Migliorini di Biella (40 punti), Francesco Ballini di Brescia (37), Andrea Pozzoli di Roma (36) e Giacomo Bertolucci di Massa Carrara (34). Il fratello di Dario, Flavio Ascari, che frequenta la terza F del liceo Spallanzani, s'è aggiudicato una medaglia d'argento. La medaglia di bronzo, invece, è stata assegnata a Lorenzo Sillari del liceo Cattaneo-Dall'Aglio di Castelnovo Monti ed a Mattia Capotorto del liceo Aldo Moro di Reggio. Nella giornata di sabato s'erano svolte le gare a squadre, disputate da 120 rappresentanze. Vi hanno partecipato cinque scuole reggiane, l'Ariosto-Spallanzani, il Moro, lo Zanelli, il Corso di Correggio e il Russell di Guastalla. Soltanto le prime due hanno superato la semifinale. Nella finale, a cui erano state ammesse 40 squadre, il Moro è arrivato 20esimo, lo Spallanzani 26esimo. Dario Ascari, come gli altri studenti dell'Ariosto-Spallanzani, era stato allenato dalla professoressa Nadia Greppi, che dice: «E' un ragazzo tanto bravo quanto semplice e solare, idolatrato dai suoi compagni anche perchè non s'è mai montato la testa. E' sua intenzione laurearsi in matematica frequentando a Pisa la Scuola Normale». Luciano Salsi