E' giallo a Miss Reggio eletta Nicolina Martino ma rischia la squalifica

REGGIO. Questi gli altri titoli assegnati sabato sera. Al secondo posto si è classificata la 19enne Amanda Beneventi, residente anch'essa a San Martino in Rio, premiata con la fascia di "Miss Rocchetta bellezza". Seguita al terzo posto da Natalia Ferrigno, 23 anni, di Cento che è la nuova Miss Wella Professionals. Altri riconoscimenti di bellezza sono andati alla ventenne Elena De Mare di Scandiano (titolo miss "I Petali 2013"), alla diciassettenne Veronica Avanzolini di Zola Predosa (Miss Liceo Special Prix), a Martina Reggiani 17 anni di Guastalla (Miss Mascotte Special Prix) e a Matilde Silingardi 17 anni di Albinea (Miss Mascotte I Petali). Titoli assegnati durante la serata. Alle 21.30 nel piazzale antistante il centro commerciale è iniziato lo show, un vero e proprio spettacolo di bellezza, moda, glamour ed emozioni, seguito da centinaia di persone che attorniavano il grande palco e la lunga passerella allestita per l'occasione. di Stefano Luppi wREGGIO A conquistare, sabato sera, il titolo di Miss Reggio 2013 è la studentessa Nicolina Martino, diciotto anni di San Martino in Rio. Il titolo è stato però assegnato "sub judice" in quanto dopo la proclamazione è emerso che Nicolina al momento non è in regola con le normative del concorso Miss Italia. Finale con il "giallo" dunque. E ci vorrà almeno una settimana perché Miss Italia decida come risolvere la situazione. Spiega la situazione Mirka Fochi, responsabile per l'Emilia Romagna del concorso nazionale attualmente diretto da Patrizia Mirigliani. «Sabato abbiamo svolto tutti i normali passaggi come ogni anno. Però dopo l'elezione di Nicolina Martino sono iniziate a girare dietro le quinte varie voci e abbiamo controllato. La ragazza risulterebbe non poter disporre della propria immagine. Per questo ora l'elezione è sub-giudice e ci vorrà qualche giorno per risolvere la situazione. Il 31 marzo scorso quando la ragazza si è iscritta al concorso risultava in regola. Successivamente però avrebbe assegnato a una agenzia la sua immagine. Non l'immagine non è "libera" e ciò viola il regolamento». La documentazione di regolamentazione delle varie fasi di Miss Italia - edizione del 2012, disponibile sul sito web del concorso - parla infatti chiaro. L'articolo 8, dedicato ai requisiti per l'ammissione al concorso è infatti chiaro. Comma "m": occorre «La piena e incondizionata disponibilità della propria immagine, del proprio nome e della propria voce e le ragazze pertanto non possono essere vincolate da contratti di agenzia, contratti pubblicitari e di altro genere...». Al momento i responsabili, in attesa appunto delle verifiche, non dicono neppure se occorrerà rifare la selezione oppure assegnare il titolo di Miss Reggio alla seconda classificata, Amanda Beneventi. Una edizione "speciale" per Miss Italia quella che è andata in scena nel fine settimana al centro commerciale "I Petali" di Reggio. L'appuntamento prevedeva l'elezione della nuova Miss Reggio Emilia e l'assegnazione dei titoli di Miss Liceo Special Prix, Miss Mascotte Special Prix, Miss I Petali, Miss Rocchetta Bellezza e Miss Wella Professionals. Un bello spettacolo interpretato da sessanta ragazze di Miss Italia, 29 delle quali in gara per i titoli di bellezza. Tutto è cominciato alle 14.30 quanto le aspiranti a Miss Italia, si sono presentate allo shopping center per l'accredito al concorso. Subito dopo è iniziato l'iter della preparazione, trucco, capelli. Alle 17.15, all'interno della galleria l'incontro con la giuria che si è protratto per quasi due ore, durante le quali le ragazze hanno potuto parlare di loro stesse, esternare le loro emozioni, in una sorta di talk show dal vivo. Tutto si è concluso in tarda serata, ma poco dopo si apriva il giallo.