«La mia Casalgrandese è frizzante»

REGGIO Spetta a Massimo Bardelli, tecnico della Casalgrandese, analizzare il girone B di Promozione che vede i suoi in piena lotta per raggiungere l'Eccellenza: la Casalgrandese (33 punti) è a un solo punto della vetta e fa parte del trio di squadre che può puntare alla promozione. Merito del lavoro svolto in passato che quest'anno sta dando i suoi frutti: un discorso che, per ragioni opposte, non può riguardare la Scandianese (22 punti) nel pieno di una rivoluzione tecnica e societaria e il Real Castellarano (14) che per la prima volta si affaccia alla categoria. Nel nostro girone – esordisce Bardelli – ci sono tre squadre che hanno qualcosa in più: il Calderara, noi e la San Michelese, credo che la classifica rispecchi in pieno i valori. Però sta rientrando il Faro che è una squadra da non trascurare: quando prendi solamente 7 gol in 16 partite, vuol dire che hai grande organizzazione, non è un caso che stiano rimontando posizioni. La sua Casalgrandese finora è stata piuttosto zemaniana. Abbiamo fatto 40 gol e sono tanti: merito anche delle tre-quattro partite che abbiamo chiuso in goleada. Forse ne abbiamo presi un po' troppi, almeno per i miei gusti: se vogliamo continuare a stare davanti, dobbiamo sistemare qualcosa in fase difensiva. Abbiamo concesso sempre un'occasione o due degli avversari, per bravura loro o per demeriti nostri ci hanno spesso punito. Soddisfatto di com'è andata finora la stagione? Ovviamente sì. Avevo fiducia nella mia squadra: già nel ritorno dell'anno scorso avevamo cambiato marcia e registro. Ora dobbiamo continuare a vincere e fare gioco. Come le sembra, nel complesso, il girone? Un po' spaccato: per le posizioni di testa ci sono squadre forti e competitive, c'è abbastanza dislivello rispetto alle ultime della classe. Il mercato di riparazione ha cambiato qualcosa? Le squadre che puntano a salvarsi si sono rinforzate: prevedo molto più equilibrio. La Pieve, Anzolavino e Ral Castellarano sono quelle che hanno lavorato meglio. Davanti? Si è mosso solo il Calderara: Landolfi, del Castellarano è un attaccante di livello. Se dovesse indicare la squadra sorpresa della stagione? La Solierese è quella che finora mi ha impressionato di più Quella delusione? Il Val.Sa a me sembra ancora forte, ma nelle ultime nove partite ha fatto solo due punti. Le altre due reggiane? La Scandianese gioca molto bene, fa davvero un buon calcio: ha cambiato molto, ha gente giovane ed è normale che si debba amalgamare. Il Real Castellarano sta facendo un campionato in linea con le aspettative.(f.v.)