E' morto il papà di Carlo Ancelotti

REGGIOLO.Si è spento Giuseppe Ancelotti, padre di Carletto allenatore del Chelsea, all'età di 87 anni. I funerali si svolgeranno domani alle ore 10 a Reggiolo.
Peppino, come lo chiamavano gli amici, da tempo era sofferente e ricoverato presso una casa di riposo a Gonzaga, nel mantovano.
Carletto Ancelotti, in queste ultime settimane, dopo ogni partita del suo Chelsea, è sempre tornato in Italia per andarlo a trovare. Si è anche trattenuto a casa dell'amico William Vecchi quando, per un certo periodo, le condizioni di Peppino erano peggiorate, tanto che si era reso necessario un ricovero all'opedale di Baggiovara.
Peppino Ancelotti ha svolto l'attività di agricoltore in un piccolo podere a Reggiolo ed è sempre stato un punto di riferimento per Carletto. L'ha seguito con affetto e discrezione prima nella sua avventura di calciatore, costellata di tanti infortuni e poi quando ha intrapreso la professione di allenatore.
Ogni 10 maggio, festa di compleanno di Peppino, Carletto era immancabilmente presente a Reggiolo per festeggiare il papà anche se gli impegno professionali lo portavano in giro per tutta l'Europa. Tra loro c'era un rapporto speciale, fatto di poche parole ma di grande affetto e intensità. Peppino ha sempre condiviso le scelte del figlio anche quando erano delicate. Si è professato un «suo tifoso» e come tale ha vissuto le sue esperienze alla Reggiana come al Parma, alla Juve prima e al Milan poi. Anche ultimamente, quando la salute glielo consentiva, è spesso andato allo stadio, magari nelle città vicine a Reggiolo. Era lo stesso Carletto che lo veniva a prendere a casa o comunque non perdeva mai l'occasione per una visita a Reggiolo. Peppino non l'ha mai confessato apertamente ma si sentiva molto vicino al Milan tanto che quando Carletto ha indossato la maglia rossonera, non ha mai perso una partita a San Siro. Non a caso il suo ultimo desiderio è stato quello di essere seppellito con la divisa ufficiale del Milan. Il papà di Carlo riposerà per sempre con la giacca, la cravatta, la camicia e i pantaloni della sua squadra.
I funerali - come detto - si svolgeranno domani a Reggiolo ma Carlo Ancelotti sarà regolarmente in panchina domenica nella partita del suo Chelsea contro l'Arsenal. (w.m.)