ARCHIVIO la Gazzetta di Reggio dal 2003

Reggio Children bilancio in rosso ma tanti progetti

 E’ stato approvato il bilancio di Reggio Children per il 2009, anno che ha segnato un potenziamento di tutte le attività. E’ risultato di 2.355.721 euro il volume d’affari (+40% rispetto al 2006). La chiusura del bilancio 2009 riporta un risultato netto di -194.546 euro «da considerarsi - chiariscono da Reggio Children - in termini di positività anche alla luce della situazione economica mondiale».
 «L’anno 2009 - fanno sapere da Reggio Children - conclude un triennio avviato nel 2007 e considerato una sorta di continuum, nel corso del quale è stato operato un forte investimento in risorse umane e in attività, nella consapevolezza che il ritorno ad un risultato di esercizio positivo è previsto nel triennio 2010-2012».
 Nel 2009, 140mila euro (pari a circa il 6% dei ricavi) sono tornati come risorsa al sistema dei servizi educativi della città, e vanno ad incrementare il Fondo Infanzia, destinato alle attività dei servizi educativi 0/6 anni di Reggio e a iniziative a favore dell’infanzia in Italia e nel mondo, Fondo al quale Reggio Children dal 1994 ha trasferito oltre 2 milioni di euro.
 All’assemblea dei soci sono stati invitati anche alcuni dei partner che hanno collaborato con Reggio Children. Tra questi, l’editore Carlo Feltrinelli che ha illustrato l’intera rivisitazione del sistema destinato all’infanzia all’interno delle Librerie Feltrinelli, spiegando come «assieme a Reggio Children stiamo capendo come realizzare librerie a misura di bambino, un progetto per noi strategico, aperto, innovativo, un work in progress che può durare per sempre».
 Elena Stefanoni, responsabile delle iniziative Welfare per Eni Servizi, ha introdotto il nuovo Nido-Scuola a Metanopoli, cui Reggio Children ha dato la propria consulenza pedagogica, architettonica e gestionale: «Siamo competenti nel petrolio, nell’energia, non nell’infanzia e per progettare servizi ad hoc abbiamo prima cercato l’eccellenza in tutto il mondo. E l’abbiamo trovata a Reggio».
 Anche Luciano Benetton, presidente del gruppo Benetton con il quale Reggio Children ha realizzato il Centro per l’infanzia Ponzano Children, ha inviato all’assemblea un messaggio: «Con voi abbiamo realizzato un progetto di cui siamo orgogliosi perché rappresenta un investimento nella formazione dei bambini».
 Gli ospiti partner hanno testimoniato che è proprio nel campo delle consulenze che si è verificato non solo un aumento, ma anche un vero e proprio cambiamento dell’attività di Reggio Children: a fronte della maggiore richiesta di consulenze su servizi educativi da parte di soggetti pubblici e privati, si è riscontrata anche un’esigenza da parte dei committenti di avere da Reggio Children dei progetti «chiavi in mano», cioè unitari e comprensivi di consulenze pedagogica, architettonica e gestionale.
 Da segnalare anche l’aumento delle presenze al Centro Internazionale Loris Malaguzzi: oltre 70mila registrate nel 2009 (+10%).