Furti a Rio Saliceto, due condannati

RIO SALICETO.In una sola notte, lo scorso anno, avevano compiuto ben 27 colpi nel piccolo paese di Rio Saliceto. Un vero e proprio gruppo d'assalto, composto da cittadini moldavi e specializzato in furti notturni in case, negozi e sulle auto, che dall'agosto al dicembre del 2008 aveva compiuto oltre un centinaio di incursioni notturne, che hanno fruttato un bottino di centinaia di migliaia di euro. I colpi erano stati compiuti nelle province di Reggio, Modena, Ferrara e Bologna. Ma, nel dicembre dello scorso anno, sei moldavi erano stati arrestati dai carabinieri di Guastalla, Campagnola e Novellara. Erano finiti in carcere con le accuse di associazione a delinquere, finalizzata al compimento di furti, e di ricettazione.
Due di questi, Ion Arteni, 26 anni, considerato il capo del gruppo d'assalto, e Gheorghe Berescu, 22 anni, sono stati condannati ieri mattina dal gip del tribunale di Reggio. Arteni, difeso dall'avvocato bolognese Luca Monti, doveva rispondere anche delle accuse di uso di atti falsi (aveva una patente e una carta di identità rumene intestate a un'altra persona ma con la sua foto), e di resistenza e violenza a pubblico ufficiale (aveva strattonato due carabinieri provocando loro lesioni giudicate guaribili in tre giorni). E' stato condannato a sei anni di reclusione e al pagamento di 600 euro di multa. Berescu, difeso da Emanuela Martinini, è stato condannato a due anni. La posizione degli altri quattro, arrestati nell'ambito dell'inchiesta coordinata dal sostituto procuratore Maria Rita Pantani, è stata stralciata da questo processo.