La proprietà prova una ripartenza


REGGIO.Questa mattina l'assemblea di Iniziativa Tricolore cercherà di mettere alcuni punti fermi.
Gli industriali rimarranno alla finestra. Nessuna fuga ma certamente non metteranno più mano al portafoglio e non garantiranno gli eventuali «buchi» nella gestione che si chiuderà al 30 giugno del 2010. Manterranno le quote di Iniziativa Tricolore (32%) e trasformeranno i 600mila euro, anticipati a garanzia dei proventi derivanti dal mercato (le cessioni di Acosty, Catellani e Arati) in azioni o sponsorizzazioni. Una proprietà «bloccata».
La cooperazione confermerà la volontà di arrivare a un disimpegno ma si prenderà qualche mese di tempo per poter individuare a chi cedere il testimone.
Come garante, per tutti sindaco Del Rio compreso, sarà il presidente Clar Fiorello Fontanesi che avrà un doppio mandato: far quadrare il più possibile i conti e trovare uno sbocco per il futuro.
Per il primo obiettivo, ne siamo quasi certi, Fontanesi non tradirà le aspettative. Più complicato individuare a chi affidare la proprietà della Reggiana. Pensare poi che possa andare in buone mani è forse utopia.
Il presidente Fontanesi, nell'ottica di trovare la copertura finanziaria, ha qualche asso da giocare. Il primo è il famoso «tesoretto» di oltre un milione di euro. Un credito che vanta con la Fiorentina. E poi c'è l'ingresso ormai certo della NewComm che porterà risorse immediate (350mila euro) e anche in prospettiva nello sviluppo del suo progetto di marketing. Ma è anche necessario che ognuno si faccia carico, con gli strumenti che ha a disposizione, di favorire l'ingresso di altri imprenditori, vedi l'industriale di acque minerali che è pronto a fare la sua parte. In questa logica è possibile arrivare a reperire i 4,5 milioni di euro che servono per un campionato di Prima divisione. Del resto se Fontanesi non avrà questa disponibilità, non a parole ma nei fatti, lunedi potrebbe presentare le sue dimissioni irrevocabili e a quel punto la crisi granata sarà devastante. Ma è un'ipotesi remota. Più complicato è invece trovare una nuova proprietà ma avere a disposizione altri sei mesi per poter scrutare l'orizzonte è già un successo.

Wainer Magnani