Senza Titolo


Le polemiche
sullo Stato Estense

Si è svolto nella sala conferenze del Santuario della Ghiara un convegno su «Il Risorgimento e la fine del ducato estense». Il convegno in questione ha destato polemiche da parte di alcune forze politiche che ritengo fuori luogo. E' un momento questo, visto che il prossimo anno cadono i 150 anni dell'Unità d'Italia, per meglio capire i rapporti anche culturali tra la fine del ducato estense ed il nascente stato italiano. E' bene ricordare che il Municipale ebbe la gestazione proprio sotto il ducato estense nel 1852 per essere inaugurato nel 1857 ancora in pieno dominio estense e che mobilitò fior di artisti per la sua realizzazione, tra l'altro, avvalendosi anche di personalità appartenenti ai vari ducati e stati limitrofi. Ricordo l'architetto modenese Cesare Costa e l'ingegnere reggiano Antonio Tegani; gli scultori: il parmense Giovanni Chierici, i reggiani Ilario Bedotti, Attilio Rabaglia e Paolo Aleotti, il bergamasco di adozione parmense Antonio Ilarioli e il modenese Prudenzio Piccioli. A questi vanno aggiunti il pittore della magnifica volta Domenico Pellizzi e l'autore dei dipinti dell'atrio, il reggiano Giuseppe Ugolini. Grande importanza per le decorazioni l'ebbe Girolamo Magnani nato a Fidenza e autore del Regio di Parma e del teatro della sua città natale. Grande impresa artistica furono i due sipari opera di Giovanni Fontanesi e di Alfonso Chierici che, aiutato da un punto di vista iconologico dal fratello Don Gaetano, dipinse «il Genio delle belle arti italiane le invita a ispirarsi nelle glorie della storia patria» raffigurando Napoleone grande nemico degli Estensi. Questo è un episodio curioso ancora tutto da studiare... Nel contempo mi faccio portavoce per uno studio e una pubblicazione che possano mettere in rilievo tutti questi aspetti artistici del nostro Municipale, una pubblicazione organica che ancora manca, anche se nel corso di questi anni sono state pubblicati vari volumi sul teatro come quello di Degani, di autori vari a cura della Sansoni e «Immagini di pietra a cura dei teatri reggiani con vari interventi, tra cui anche uno del sottoscritto, con notizie inedite, sulla «Vita e opere degli scultori del Municipale».

Filippo Silvestro / Socio Effettivo della / Deputazione di Storia Patria