Il Club '94 fa fuori Speroni

Un siluro a Brenno Speroni. A indirizzarglielo sono stati ieri i nove soci fondatori del Club '94 di Forza Italia. I quali, riuniti in un incontro convocato ad hoc, hanno deciso di «rimuovere» Speroni dall'incarico di timoniere del Club, e nominare al suo posto il professor Paolo Baroni, che diventa dunque presidente. L'industriale Enzo Gambarelli sarà vicepresidente vicario. «Esaminata la situazione politica locale - si legge infatti in una nota firmata da Vittorio Baldrati, Primo Berti, Gian Franco Carugo (segretario), Cristian Casali, Liborio Cataliotti, Giorgio Lusenti, Filippo Silvestro e Simonetta Venturi (oltre, ovviamente, allo stesso Baroni) - e in particolare la posizione assunta dal socio Speroni, chiamato a far parte del direttivo provinciale istituito dal commissario di Forza Italia a Reggio, Fabrio Garagnani», è stato espresso «disappunto e contrarietà» da tutti i soci fondatori firmatari del documento «rispetto alla scelta operata da Speroni, che ha agito a titolo personale senza consultare minimamente» gli altri. A ruota, si ribadisce «la volontà di entrare nel nuovo soggetto politico voluto dal presidente Silvio Berlusconi. Il Club pertanto ha espresso la volontà di affiliarsi ai circoli della Libertà presieduti da Michela Vittoria Brambilla. Gli 800 soci di riferimento del Club entreranno a far parte del Popolo delle Libertà attraverso i circoli».