Trovati con attrezzi rubati per i cantieri

SAN MARTINO IN RIO. Attrezzature edili per il valore di oltre diecimila euro, che ora cercano padrone. Il materiale è stato sequestrato dai carabinieri della stazione locale a due fratelli, di origini napoletane, incappati in un controllo stradale. Si tratta, per gli investigatori, di merce rubata e non di proprietà dei due, denunciati quindi per ricettazione. Ora le forze dell'ordine fanno appello a chiunque riconosca tra il materiale sequestrato qualcosa di suo, a presentarsi in caserma per la restituzione. Trapani a batteria e non, martelli pneumatici e un flessibile, tutti dotati di accessori, un taglia muri, una livella sono tra gli attrezzi recuperati e dei quali ora si può prendere visione nella stazione locale dei carabinieri.
I due fratelli sono stati fermati in via Roma, durante un normale controllo stradale. C.C. di 51 anni era al volante di una Fiat Punto e il fratello, M.C., di 41 anni gli sedeva accanto. Un rapido accertamento nella banca dati ha fatto emergere i numerosi precedenti dei due, per reati contro il patrimonio e molteplici divieti di ritorno in diversi Comuni. Per questo i militari sono passati a una perquisizione della macchina usata dai due. Hanno trovato cosi il materiale edile. Parecchia attrezzatura, del valore approssimativo di 10mila euro, di cui i due fratelli non hanno voluto spiegare la provenienza. Accompagnati in caserma, le verifiche a carico dei due sono proseguite per terminare con la denuncia con l'accusa di ricettazione.
A carico del 51enne è arrivata un'ulteriore denuncia per il fatto che stava guidando un'auto che i carabinieri di Napoli, nell'aprile 2007, gli avevano vietato di guidare poiché era priva di copertura assicurativa. L'auto è stata definitivamente sequestrata.
Il materiale edile è frequentemente oggetto di furti in aziende e cantieri. Colpi spesso compiuti su commissione da ladri esperti, e del settore, che poi provvedono anche a rivenderlo sul mercato nero.