Due ladri patteggiano un anno, ma sono già liberi

POVIGLIO.Hanno patteggiato un anno di reclusione ma con pena sospesa e sono già liberi i due giovani nomadi - il 23enne Maichol Touncig e la 24enne Lolita Deranja - finiti nei guai nella notte fra sabato e domenica per furto aggravato in concorso.
Ieri mattina, in tribunale a Reggio, davanti al giudice Pietro Mondaini, i due giovani sono stati assistiti dall'avvocato Nicola Tria.
Come ricostruito in aula, i due avevano rubato una borsetta da un'auto in sosta nel parcheggio di un locale da ballo di via della Repubblica. Subito dopo, con il bancomat trovato nel portafoglio rubato, Touncig aveva cercato di fare un prelievo in una banca di piazza Umberto, mentre la ragazza lo attendeva su una Ford Focus lasciata li vicino. Un atteggiamento, quello dei due, che aveva subito insospettito un giovane militare passato in piazza Umberto mentre si dirigeva in caserma. Il carabiniere si era quindi fermato per bloccare i due e controllare.
Da una rapida verifica era risultato che il bancomat in possesso del ragazzo era in realtà di una donna di 57 anni residente a Casalgrande.