L'arbitro deruba la Reggiana intanto i ladri derubano lui


REGGIANA - FIAMMAMONZA:0 - 1
Rete:20' Greco.
Reggiana:Fazio, Fagiolini, Davoli, Pellizzer, Neboli (88' Zavanelli), Pontil, Giugni (76' Lisi), Barbieri, Cavagni, Nasuti, Tommasi (52' Costi) 12 Vicenzi, Bonati, Lisi, Bocedi, Costi, Zavanelli. All. Bertolini.
Fiammamonza:Marchitelli, D'Andolfo, D'Adda, Rivolta (al 67' espulsa x dop. am.), Schiavi, Greco, Gazzoli; Paliotti, Murelli, Hofer (70' Ded), Stracchi (al 36 Stracchi) 12 Ferraro, Dedè, Del Fiol, Balconi, Donghi, Liberati. All. Grilli.
Arbitro:Rago

REGGIO.L'arbitro deruba la Reggiana femminile e nel frattempo una mano ignota deruba l'arbitro. Paradossi di un pomeriggio irreale allo stadio Mirabello, dove la Reggiana Forneria Artigiana deve soccombere per un gol figlio di un netto fuorigioco, con bandierina alzata da un guardalinee e poi riabbassata sguardo dell'arbitro che gi si era già portato a metà campo.
La partita ha segnato peraltro il ritorno di una Reggiana dal grande cuore che paga troppo cara la cronica carenza di incisività in attacco. Sugli scudi una ottima Fazio, rientrata a tempo di record dall'infortunio e capitan Nasuti. Finalmente una difesa ritrovata ha saputo frenare le incursioni di Gazzoli e Palliotti. Peccato veramente per l'esito beffardo del match, con le granata a dominare dopo l'immeritato svantaggio ma senza mai impensierire l'estremo brianzolo.
Si diceva del furto... fuori dal campo. Ignoti duranter la partita si sono introdotti nello spogliatoio della terna arbitrale rubando gli effetti personali.