Travolgente Sugar Un milione di copie del suo «Zu & Co.»

REGGIO.L'ultimo album del bluesmen di Roncocesi è un autentico successo sia in termini discografici che di pareri da parte della critica e del pubblico.
Stiamo parlando della straordinaria ascesa di «Zu & Co.» alla conquista delle varie classifiche di tutta Europa, l'album è infatti saldamente ai primi posti delle graduatorie di vendita in Germania, Austria, Svizzera, Francia, Olanda, Portogallo, Belgio, Grecia e cosi via. Insomma, praticamente cappotto.
«Zu & Co.», che racchiude le migliori canzoni di Adelmo «Zucchero» Fornaciari, interpretate in duetto con grandi artisti del panorama internazionale, è ormai prossimo allo straordinario traguardo del milione di copie vendute nel vecchio continente.
Una performance che ha davvero dell'incredibile, soprattutto se pensiamo che è stata conseguita a poco più di due mesi dalla pubblicazione. E tenendo anche conto che ormai da anni sono considerati autentici successi dati di vendite di dischi che arrivano s' e no a duecentomila copie, vista la costante contrazione delle vendite, per costi e «clonazioni» varie.
Nel dettaglio l'albul «Zu & Co.» è già multiplatino in Italia ed ha superato il disco di platino in Svizzera, Austria, Germania, ed il disco d'oro in Francia, traguardo questo ormai prossimo anche in Olanda e Belgio.
Un tale successo, come è ovvio immaginarsi, non passa certamente inosservato, è infatti di questi giorni l'uscita sul settimanale americano Newsweek con un lungo articolo intitolato «Building a bigger star» dove si dà ampio spazio a Zucchero, descrivendone ampiamente il suo progetto per promuovere la musica oltre i confini nazionali e definendolo una sorta di eccezione, rispetto ad altri cantanti europei, visto che l'artista reggiano registra i dischi in inglese, spagnolo e italiano.
Ma Newsweek non è l'unica celebrata pubblicazione che recentemente si è occupata di Zucchero, da segnalare infatti anche la straordinaria recensione di «Zu & Co» apparsa su Q una pubblicazione inglese che è considerata una sorta di Bibbia in fatto di musica.
Il giornalista di Q, John Aizlewood, afferma tra l'altro che Zucchero il più delle volte riesce a cantare meglio dei suoi ospiti nel suo recente album e quando duetta con un vero soulman come Solomon Burke (in «A devil in me») i due sembrano fratelli di sangue. Opinione che sicuramente fa piacere al nostro Sugar.
La recensione su Q ha meritato ben 3 stellette su 5. E questo capita raramente per un disco non anglosassone.
Una curiosità: su «Per me», il noto mensile italiano di psicologia, nello scorso numero di luglio, Lidia Ravera consiglia addirittura l'ascolto di «Zu & Co.» se siete stanchi e demotivati o per scaricare lo stress! Un vero signore della musica. Le canzoni sono eccellenti, arrabbiate, e ossessive. Insomma, il sound e la carica di Zucchero sembra funzionare anche come «medicina» alternativa. Infine da segnalare che l'evento «46664 Mandela Latino» previsto il 21 agosto a Benidorm in Spagna, è stato rimandato a data da destinarsi.