La Giemme fa sua la Coppa Italia


NEPI 2000 - LAPI PLAST GIEMME:1 - 3
Nepi 2000 Maresca, Adolini, L. Planaf, Tavano, De Noronha, Marchetti, G. Planaf, Gavicas, Ciocci, Milani, Bresciani, Quattrini. All. Colini.
Lapi Plast Giemme:Antonella, Di Martino, Alves Cleverson, Flavio Morosini 2, Jamur Morawsky, Maurinho Dos Santos, Eder Rodriguez, Maurizio De Zorzi 1, Palumbo, Saccani, Grossi, Panciroli, Miscioscia, Gazzini, Sodano. All. Mario Neri.

AOSTA.Riesce alla Lapi Plast Giemme l'impresa di vincere per il secondo anno consecutivo la Coppa Italia di calcio a 5.
L'anno passato il team reggiano si aggiudicò la manifestazione riservata alle compagini di serie B battendo il San Michele Prato. Il cammino della Lapi Plast era iniziato battendo nelle varie fasi eliminatorie San Lazzaro Bologna, Cadoneghe Padova e Virtus Brescia. Dopo aver raggiunto la finale grazie al 5-3 ottenuto sui padroni di casa dell'Aymavilles Aosta, la compagine di mister Neri si è trovata opposta alla più forte corazzata della serie A2 italiana, il Nepi. Il team laziale già promosso in A1 con sei giornate di anticipo nella stagione in corso non aveva perso neanche una gara. La partita vede subito la squadra reggiana all'attacco e dopo due parate miracolose, Flavio Morosini sblocca il risultato. Passano alcuni minuti in cui il gioco staziona a centrocampo ed il Nepi trova in contropiede la rete del pareggio.
Nella ripresa prima Cleverson quindi Maurinho sfiorano ripetutamente il vantaggio che giunge puntuale con una cannonata dalla distanza della giovane promessa italo-brasiliana Morosini.
A cinque minuti dalla fine sul 2-1 la Giemme è sfortunata in quanto va più volte vicina alla terza segnatura. Nel finale i reggiani riescono a resistere sorretti anche dal numeroso pubblico giunto da Reggio ed a dieci secondi dalla fine trovano la rete del 3-1 con Maurizio De Zorzi che suggellava la conquista della Coppa Italia di serie A. Un'apoteosi che consacra la compagine del presidente Umberto Giovannetti nella storia nazionale di questa disciplina.
Aldo Spadoni