Schumi Jr: «Farò di tutto per migliorare L'obiettivo resta la Formula Uno»

«Michael ci manca, ma sono sicuro che sarebbe orgoglioso di vedere suo figlio. Sappiamo tutti che sarebbe molto speciale avere Michael qui». Parole di Sebastian Vettel che nel weekend ha corso assieme a Mick al Race of Champions di Città del Messico. «Ricordo quando feci la mia prima apparizione qui e come guardavo Michael - ha aggiunto Vettel - Ora sono un po' più grande e faccio squadra con Mick».E non solo nell'esibizione messicana, ma anche in Ferrari. L'approdo di Mick all'Academy è solo il primo step per il figlio d'arte la cui strada per arrivare in Formula 1 è ancora lunga. In questa stagione correrà nel campionato di Formula 2 con il team Prema: «Questo è un passo nella giusta direzione e potrò solo beneficiare dell'immensa competenza che c'è in Ferrari. Sicuramente farò di tutto per poter apprendere ciò che mi può aiutare a raggiungere il mio sogno: correre in Formula 1». Un sogno che è iniziato lunedì con l'approdo a Maranello. All'Academy ha trovato altri figli e nipoti d'arte: Giuliano Alesi ed Enzo Fittipaldi.«Per chi come me lo ha visto nascere ha un significato emotivo particolare accoglierlo. Lo abbiamo scelto per il talento e per le qualità umane e professionali che ha messo già in mostra malgrado la sua giovane età», ha detto al suo arrivo il team principal di Maranello, Mattia Binotto. --