I 70 anni Ferrari Anniversario da protagonista

di Martina StoccoLa Rossa di Maranello compie settant'anni e continua a portarli benissimo. Era il 12 marzo del 1947 quando Enzo Ferrari accese il motore, a dodici cilindri, della prima vettura che porta il suo nome: la Ferrari 125 S (dove "S" indica l'assetto sportivo). Messa in moto per un giro di prova, nelle strade della Terra del Mito, fece il suo debutto in pista qualche mese più tardi nel circuito di Piacenza. Nonostante l'iniziale insuccesso, scaturito da un'avaria alla pompa di alimentazione, la Rossa ottenne, solo pochi giorni dopo, la vittoria nel Gran Premio di Roma. Da quel giorno il Cavallino Rampante di chilometri ne ha percorsi parecchi, diventando uno dei più famosi brand, conosciuto in tutti i continenti. Oggi, la Casa di Maranello, dà il via alle celebrazioni ufficiali che si svolgeranno, in giro per il mondo, fino a settembre. Nel corso di quest'anno, saranno più di sessanta i Paesi in cui si celebrerà l'importante ricorrenza, partendo proprio dai festeggiamenti in Australasia. Per il settantesimo anniversario, inoltre, è data la possibilità, a tutti gli appassionati di vedere l'ultima supercar dell'azienda maranellese: LaFerrari Aperta. La più veloce spider mai realizzata a Maranello, icona dei 70 anni, il cui debutto ufficiale è avvenuto lo scorso anno al Salone di Parigi, coniuga stile ed elevate performance. Caratteristiche, certo, che si ritrovano anche nelle altre vetture del marchio, ma portate, in quest'auto da sogno e prodotta in numero limitato, al massimo livello. In tanti, però, avevano già iniziato a sognare alla fine del mese di febbraio, quando al Museo Enzo Ferrari sono arrivate una ventina di macchine da capogiro, realizzate dal 1948 ad oggi. La rassegna inaugurata al Mef, "Driving with the stars" è un omaggio a vip e volti noti dello spettacolo, conosciuti a livello internazionale che, nel corso degli anni, si sono messi al volante dei modelli esposti. La mostra proseguirà fino a febbraio 2018.