In 230 figuranti per rievocare la nascita di Gesù Bambino

FIUMALBO Ha avuto tutto il suo effetto calamita della Vigilia il Presepe Vivente, catalizzando centinaia di visitatori per assistere a una 21ª edizione (è l'evento più longevo in regione, tra i 30 più vecchi d'Italia) preparata con grande cura. Mai così tanti i quadri, 40, grazie a 230 figuranti che hanno dato vita agli antichi mestieri della vallata, sottolineati nel loro fascino anche dai nomi dialettali ("marangon" per falegname e così via). Tutti alle 22.30 si sono diretti alla capanna sotto la Rocca millenaria per assistere all'arrivo di Maria (Angelica Lenzini) e Giuseppe (Renzo Nizzi) per la nascita di Gesù. Una bella bimba per l'occasione: Maida che ha pianto pochissimo, nonostante il freddo. Quindi l'omaggio di tutti i mestieri, fino all'arrivo dei Re Magi a cavallo. «È stato un momento di comunità splendido - sottolinea il sindaco Mirto Campi, che ha preso parte alla rappresentazione come intagliatore di legno - valso anche come prova generale per la replica dell'Epifania, dove saremo al massimo». (d.m.)