AdM, ventitre titoli per un cartellone di grandi concerti

MODENA È una stagione ricca di appuntamenti quella proposta dagli Amici della Musica: 23 date per un cartellone che prende il via a novembre e termina a fine maggio e che propone concerti, conferenze, viaggi culturali-musicali, ai quali si aggiungono numerose altre occasioni di approfondimento e riflessione. La stagione si articola in due rassegne: Note di Passaggio, che unisce risorse e impegno di 5 Comuni della provincia (Castelnuovo Rangone, Nonantola, San Cesario sul Panaro, Soliera e Spilamberto) e Concerti d'Oggi, progetto che abbraccia musiche di ogni epoca con uno sguardo e un approccio "contemporanei" e che si svolge a Modena appropriandosi di importanti luoghi della cultura cittadina, dal Teatro "Pavarotti" alla Galleria Civica, fino al Parco Ducale. Il primo appuntamento è in programma domenica 5 novembre (alle 17) alla Chiesa di Sant'Adriano di Spilamberto con l'esibizione dell'Ensemble Zipangu, orchestra d'archi nata all'interno del Teatro Comunale di Bologna, già ospite di importanti istituzioni musicali. Il programma propone un percorso raffinato che comprende alcuni "classici" del recente passato, come l'Adagio per archi di Barber o la bellissima Berliner Messe di Arvo Pärt, e un importante compositore canadese dei nostri giorni, Serge Arcuri. Sono numerosi i filoni tematici e gli orizzonti interpretativi che Note di Passaggio declinerà in 13 concerti: il pianoforte sarà assoluto protagonista con i recital del tredicenne Leonardo Però (sabato 25 novembre a Nonantola) e di Federico Nicoletta (sabato 21 aprile a Spilamberto), incentrati sul grande repertorio classico-romantico e novecentesco, e con la lezione-concerto che Matteo Fossi terrà su Kreisleriana di Robert Schumann il 19 novembre a Nonantola. Accostamenti inediti tra antico e moderno e tra dimensioni apparentemente conflittuali (colto e popolare, sacro e profano) sono il perno concettuale dei concerti in programma il 12 novembre a Nonantola (con Omar Zoboli all'oboe, Claudio Pasceri al violoncello e Giovanni Paganelli al clavicembalo) e il 7 aprile a Spilamberto (con il duo Ensamble-Lamprecht per un magnifico connubio di flauti dolci e percussioni). Grandi nomi del concertismo internazionale come il violoncellista Francesco Dillon e il pianista Emanuele Torquati (di scena a Soliera il 3 febbraio) si affiancano a giovani talenti che si stanno facendo strada nel panorama musicale italiano, come il duo Pastine-Contaldo (violino e pianoforte, a Montale Rangone l'11 febbraio) e il duo pianistico Bongiovanni-Canalicchio, che si esibirà a San Cesario il 5 maggio. Si segnalano, tra gli altri, anche due appuntamenti all'insegna della multimedialità e della commistione tra linguaggi: Il Barbiere a fumetti, messo in scena dall'Orchestra del Baraccano diretta da Giambattista Giocoli a Soliera il 24 febbraio, che vede la proiezione di un avventuroso manga originale in contemporanea all'esecuzione della partitura rossiniana, e Classic Tango (il 3 dicembre a Nonantola). Il progetto Concerti d'Oggi propone, all'interno dei 9 appuntamenti, una importante collaborazione con il Teatro Comunale di Bologna: il pianista Fabrizio Ottaviucci, il 18 febbraio alla Galleria Civica mentre il 19 maggio al Parco Ducale, in chiusura di stagione, il Duo Métamorphoses e 6 giovani pianisti in collaborazione con l'Istituto Vecchi-Tonelli "cinguetteranno" dalle 11.30 alle 21 nella Voliera Ducale, presentando brani di tutte le epoche ispirati al canto degli uccelli. I concerti della rassegna spaziano, come organico, dal recital solistico al duo, fino agli ensemble più numerosi (l'Ensemble Eutopia, il 4 marzo al Teatro delle Passioni e l'Ex Novo Ensemble, che si esibirà il 24 marzo al Teatro Cajka). Infine gli appuntamenti con Amici degli Amici della Musica in programma il 14 aprile, e con il Concerto della Memoria e del Dialogo (27 gennaio, Teatro Comunale "Pavarotti"), quest'anno affidato alla WunderKammer Orchestra. Parte importante dell'attività AdM è dedicata all'aspetto formativo.