Il sindaco replica a Gianaroli: «Malvagità e inesattezze»

CASTELVETRO Evento per persone mattiniere quello in programma domenica prossima sulla collina delle Tre Croci di Denzano, al confine tra i territori comunali di Marano e di Castelvetro. Alle 5,30 del mattino è in programma infatti il concerto dal titolo "Note di luce - Concerto all'alba", durante il quale saranno eseguite arie di musica classica al sorgere del sole. Si tratta di una novità assoluta per gli eventi estivi della zona, che vedrà impegnati nello specifico i musicisti Ylenia Volpe alla fisarmonica e Raffaele Bertolini al clarinetto. Per chi volesse, dopo il concerto, su prenotazione al 340 2570582 è prevista la colazione nella vicina Locanda di Denzano, al costo fisso di 5 euro. L'evento, parte del cartellone di Artinscena Festival, nasce da un'idea degli assessori alla cultura dei Comuni di Castelvetro e Marano sul Panaro, Giorgia Mezzacqui e Giovanni Galli, con l'obiettivo di far conoscere il territorio e la bellezza dei luoghi in orari inconsueti e con modalità nuove. Per chi volesse prendere parte all'evento, il ritrovo è fissato alle 5,30 presso il parcheggio del cimitero di Denzano. Dopodiché, si salirà a piedi al Passo delle Tre Croci, che presenta un percorso agevole. Per chi volesse fare una camminata più lunga, un altro ritrovo è da Borgo Casa Franchini, in via Oltre Guerro. In questo caso, la camminata verso il Passo delle Tre Croci durerà circa 30 minuti. Organizzano questa iniziativa i Comuni di Marano e Castelvetro. Ulteriori dettagli sui siti internet dei due comuni. La partecipazione all'iniziativa è gratuita e aperta a tutti gli interessati. Le prenotazioni occorrono solo per la colazione, chi vuole assistere al concerto non deve prenotarsi. (m.p.)CASTELVETRO«Quando fa critiche come queste, Gianaroli diventa malvagio». Così il sindaco di Castelvetro, Fabio Franceschini, tuona contro il consigliere comunale pentastellato Filippo Gianaroli, che nei giorni scorsi sulla Gazzetta aveva criticato aspramente l'operato dell'amministrazione comunale su diversi punti: «Con la mia replica - spiega Franceschini - vorrei partire dall'ultimo punto preso in considerazione da Gianaroli, ovvero il Parco Zoo di Castelvetro. Grazie all'opera del consigliere Cinque Stelle, il privato che ha aperto questo parco al pubblico rischia di stancarsi e di chiudere. Le centinaia di persone che specialmente nel fine settimana affollano questa area verde per rilassarsi e fare magari un pic-nic all'aperto, rischiano quindi di rimanere fuori per sempre. Davvero un bel risultato! Inoltre, nonostante Gianaroli abbia fatto muovere la Forestale, i carabinieri, l'ufficio tecnico del Comune, la Prefettura e l'Usl, le scimmie del Parco Zoo sono ancora al loro posto. A questo punto mi chiedo: qual è stato l'utile prodotto da Gianaroli a vantaggio della comunità? Per quanto riguarda l'installazione dell'illuminazione a led - prosegue il sindaco - abbiamo già svolto la gara, e aspettiamo solo la vendita del lotto di terreno di Sant'Eusebio per avere la disponibilità economica. Non facciamo opere pubbliche senza prima avere i soldi in cassa. Oppure Gianaroli vuole garantire? Per quanto riguarda il comparto Flaviker, anche qui Gianaroli ci gioca sopra: non è vero che sono state cancellate tutte le fideiussioni. È rimasta infatti la fideiussione per le opere di urbanizzazione primaria, ed è stata stralciata solo la fideiussione relativa ai 70mila metri quadrati di terreno che la proprietà deve cedere al Comune. Infine, la questione della delibera dell'Anac è ancora sub judice, quindi vedremo chi avrà ragione. Certo, nel 2014 non potevamo conoscere regole che sarebbero venute fuori solo nel 2016».Marco Pederzoli