Castello, aperture straordinarie

FIORANOArrivano le festività pasquali e il castello di Spezzano offre una serie di aperture straordinarie. In concomitanza con il torneo internazionale di calcio giovanile Memorial Claudio Sassi sabato il castello sarà aperto dalle 9 alle19; domenica l'apertura è dalle 15 alle 19 con visita guidata gratuita alle ore 17; lunedì dalle 15 alle 19 e, in concomitanza con Argilla-mania, laboratorio per bambini su prenotazione e visita guidata gratuita alle 17. A Pasquetta è possibile prenotarsi per la visita alla Riserva Regionale delle Salse di Nirano e al castello. Il ritrovo è alle 15 presso il Parcheggio del Pioppo, alle Salse di Nirano, dove le guide iniziano un breve percorso adatto a tutti che illustra il fenomeno dei vulcani di fango. Alle 16.30, ognuno con i propri mezzi, si raggiunge il castello di Spezzano dove gli adulti sono accompagnati in una visita guidata gratuita mentre i bambini, da 4 a 10 anni, possono partecipare a un laboratorio di ceramico sul Neolitico e la Cultura di Fiorano e partecipare a una merenda. La prenotazione è obbligatoria (tel. 338/34.15.631; info@archeosistemi.it) e la partecipazione è di 5 euro per il laboratorio con merenda dei bambini. Il castello, di origine medievale, fu trasformato dalla famiglia dei Pio di Savoia, a partire dal 1529, in palazzo nobiliare con corte porticata rinascimentale, elegante residenza di campagna destinata ad accogliere piacevolmente gli ospiti nei terreni di caccia del feudo. È sede del Museo della Ceramica che occupa gli spazi del piano nobile e i sotterranei, dove ha sede la multimediale e innovativa sezione Manodopera. Di particolare pregio la Sala delle Vedute, affrescata intorno al 1596 da Cesare Baglione, pittore di corte dei signori Farnese di Parma, che ritrae i domini di Marco III Pio di Savoia e della moglie Clelia Farnese; un ciclo affrescato di 57 vedute di castelli, torri e borghi, dalla pianura alla montagna, dello Stato di Sassuolo, suddiviso in cinque podesterie: Sassuolo, Spezzano, Formigine, Brandola, Soliera. Il castello-villa è circondato da un ottocentesco parco e un percorso ciclo-pedonale conduce alla Riserva Regionale delle Salse. (f.t.)