Nicolas Schiavi, notte magica: primi gol ‘doc’ sognando Tevez

È un firma argentina quella messa in calce alla prima vittoria del Modena, la firma di Nicolas Adrian Schiavi. Un "folletto" di 1 metro e 73 centimetri, trequartista, che ha segnato il suo primo gol tra i professionisti di… testa, prima di servire il bis con un rigore magistrale. Ventunenne di Rafaela, città della provincia di Santa Fe a 200 chilometri di distanza da Rosario, dove è nato un certo Leo Messi, Schiavi è in Italia dall'estate del 2013. Scovato dal Novara nell'Atletico Rafaela, dove aveva iniziato a tirare i primi calci ad un pallone a 4 anni, con il club piemontese ancora proprietario del suo cartellino ha collezionato 13 presenze in prima squadra tra serie B e Lega Pro, oltre ad essere un punto fermo della Primavera. Il calcio fa parte del dna di famiglia, visto che il papà e i tre fratelli hanno sempre giocato. La sorella fa invece il tifo, come dimostrato alla perfezione dal commenti sul profilo Facebook del Modena non appena il piccolo Nicolas ha firmato con una doppietta la vittoria di Teramo. Schiavi, che per ruolo e statura ricorda i campioni argentini ai quali si è sempre ispirato, ha come idolo Carlos Tevez e sogna di vestire un giorno la maglia albiceleste. La strada da fare è ancora tanta, nel frattempo il fantasista di Rafaela si impegna a dare il meglio di sé per far gioire i tifosi del Modena. (m.c.)