LA STANGATA »LA GIUNTA RITOCCA I LISTINI

Tre, due, uno.... Buon Anno con l'aumento della sosta. Per i modenesi, il 2016 si aprirà all'insegna della crescita delle tariffe con aumenti che andranno dal 10 fino a oltre il 30% per quanto riguarda gli abbonamenti per residenti e di una media del 10% per quanto riguarda la sosta semplice a pagamento per non residenti. Unica, magra, consolazione, la solenne promessa della Giunta: «Poi per 5 anni nessun ritocco...». Tutte in salita dunque le tariffe, seppur in modo contenuto rispetto agli accordi iniziali con "Modena parcheggi", annuncia ancora il Comune. I prezzi per le strisce blu secondo il Piano della sosta aumenteranno sia per i residenti che per i lavoratori in centro storico. La decisione, annunciata dopo il "calmieramento" delle cifre decise lo scorso anno, genererà polemiche, ma del resto occorre pur gestire il progetto quarantennale legato alla costruzione del parcheggio sotterraneo "Novi Park" ora governata da Modena Parcheggi. Ma, appunto, il Comune parla di aumenti "contenuti", decidendo al tempo stesso di bloccare le tariffe per i cinque anni successivi, cioè fino al 2021, nonostante il piano della sosta prevedesse altre crescite nel corso del tempo. Per il prossimo anno, inoltre, è confermata l'esenzione al pagamento del miniticket Ztl così come degli abbonamenti per la sosta su strada (residenti e lavoratori) per le famiglie in condizione di difficoltà economica (reddito annuo inferiore ai 16 mila euro). C'è un'altra novità confermata ieri dopo gli annunci nei giorni scorsi del sindaco Muzzarelli e dell'assessore alla mobilità Giacobazzi. Viene confermata anche l'opportunità di un abbonamento annuale al prezzo di 60 euro al parcheggio del centro Novi Park per i residenti in centro storico e per gli operatori commerciali delle botteghe storiche (non tutte quindi). Modena Parcheggi ha deciso di mettere a disposizione 600 posti auto per il 2016 confermando quindi i 500 posti andati esauriti quest'anno (al prezzo di 50 euro da marzo a dicembre). Nella sosta a tempo sulle strisce blu, inoltre, il pagamento minimo non sarà più di 20 centesimi, ma una cifra equivalente alla sosta di mezz'ora secondo le aree in cui si parcheggia. Anche questo, dunque, potrebbe essere inteso come in aumento, almeno in tante parti della città. Ma veniamo alle cifre aumentate, non poco. Chi ha un'auto consideta "mini" all'anno pagherà d'ora in poi 42 euro, mentre per un'auto lunga fino a 4 metri e mezzo si sale a quota 60 euro e per chi ha un "bolide" lungo fino a 4,90 metri dovrà sborsare 90 euro. Le auto considerato "lunghe" - oltre i 4 metri e 90 - dovranno pagare 120 euro. Insomma una serie di aumenti necessari soprattutto a pagare il secondo maggior parcheggio sotterraneo d'Italia. Ecco tutte le cifre. L'abbonamento mensile per la sosta su strada nelle zone Margini vicine al centro di operatori e lavoratori di quelle aree e del centro storico passa da 20 a 23 euro (la tariffa prevista sarebbe stata 30 euro) e in proporzione, quello annuale da 200 a 230. Gli abbonamenti annuali per i residenti delle zone Viali e Margini passano da 30 a 40 euro (avrebbero dovuto essere 60 euro), mentre il miniticket per la Ztl verde per i residenti in centro storico aumenta da 50 a 60 euro, rispetto ai 72 che erano previsti dal Piano. Dal primo gennaio inoltre saranno in vigore anche le tariffe orarie. Nei margini esterni si passa da 55 a 60 centesimi l'ora, nei margini interni da 80 a 90 centesimi e nei Viali da 1,10 a 1,20 euro. Nelle vie limitrofe al centro si passa da 1,60 a 1,80 euro l'ora, mentre in piazza S.Agostino la sosta è possibile per tre ore e si paga un massimo di 7,5 euro che in piazza Dante scendono nelle stesse 3 ore a 5,90 euro. Stefano Luppi