Precipita elicottero anti-incendio: 2 morti

In un normale volo di addestramento in elicottero nei pressi del Lago del Salto, nel reatino, hanno perso la vita il pilota e un passeggero, mentre il copilota è ricoverato in gravi condizioni. E il bilancio poteva essere più pesante, perché sul pontile del lago c'erano delle persone che hanno avuto paura e sono scappate non appena hanno capito che l'elicottero del servizio antincendio regionale del Lazio era in avaria e stava precipitando. Il velivolo, secondo una prima ricostruzione, sarebbe stato costretto a volare a bassa quota per un'avaria al motore e per questo potrebbe aver urtato un cavo sospeso sul lago del Salto ancorato ad una piattaforma che si trova ad un centinaio di metri dalla riva. «Per fortuna non c'era nessuno in acqua a fare wakeboard e sul pontile eravamo in pochi, altrimenti ci sarebbero state conseguenze ancora più gravi - racconta l'imprenditore aquilano Giuseppe Ioannucci - l'elicottero volava praticamente a pelo d'acqua, è passato a 30 metri da noi». Il pilota aveva 60 anni ed era originario di Pavia, mentre il passeggero era un reatino di 67 anni. Il ferito, ricoverato in gravi condizioni al policlinico Gemelli di Roma, è il copilota, 37 anni, originario di Verbania, in Piemonte. La Procura di Rieti e l'Agenzia nazionale per la sicurezza del volo hanno aperto due inchieste, al momento a carico di ignoti, e parallelamente anche l'Enav ne avvierà una per verificare quanto accaduto. Cordoglio ai familiari delle vittime è stato espresso dal capo della Protezione civile Franco Gabrielli. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti parla di «una tragedia che ci addolora e sulle cui dinamiche sono certo verrà fatta al più presto piena chiarezza».