La Juve sceglie l'Asia Roma e Milan negli Usa sfidano le big europee

ROMA Uscito con le ossa rotte dal mondiale, il calcio italiano cerca riscatto nelle prossime coppe per club. Ma intanto prova a rialzare la testa nelle amichevoli all'estero che chiudono i ritiri che preparano la stagione. Mentre la Juve, dopo il traumatico abbandono di Conte, sceglie una remunerativa ma poco significativa tournée in Asia e Australia, le altre fanno sul serio. Roma, Inter e Milan partecipano dal 24 luglio a quello che è diventato il clou dell'estate, la Guinness International Champions Cup (alla seconda edizione), assieme ai top club europei. Napoli e Fiorentina dal canto loro hanno appuntamenti ghiotti, rispettivamente, con Psg e Barcellona, e col Real Madrid. Ma sarà dura riguadagnare credibilità internazionale dopo i flop europei e il naufragio mondiale. La Guinness Cup, vinta l'anno scorso dal Real con un 3-1 sul Chelsea e doppietta di Ronaldo, è un anticipo di Champions in piena regola. E porta pure bene visto il trionfo finale di Carlo Ancelotti. È un evento anche commerciale e televisivo che comincia in Canada il 24 luglio e poi gira 11 città degli Stati Uniti per concludersi poi il 4 agosto a Miami. Le otto squadre sono divise in due gruppi con girone all'italiana, quindi ognuna disputa tre partite. Nel Gruppo A Roma e Inter sono associate a due colossi d'Europa, il Real Madrid campione d'Europa e il Manchester United ora affidato a Van Gaal, gettonato maestro di tattica che ha trascinato l'Olanda al terzo posto mondiale. Nel gruppo B il Milan, che non disputerà le coppe, prova a risalire la china con Pippo Inzaghi e il nuovo tecnico dovrà forzare i tempi per evitare brutte figure: troverà infatti i campioni d'Inghilterra del Manchester City (il 27 a Pittsburgh), il Liverpool secondo in Premier (il 2 a Charlotte) e il quotato Olympiacos (il 24 a Toronto, gara inaugurale).