Arbe sotto accusa, nuovo sciopero

Cgil e Cisl hanno diffuso ieri una nota in cui viene comunicato che l'azienda Arbe Industrie Grafiche non ha pagato gli stipendi di giugno. Per questo Slc-Cgil e Fistel-Cisl hanno proclamato un nuovo sciopero per martedì prossimo 22 luglio e, contemporaneamente, terranno un'assemblea davanti ai cancelli aziendali. «Dopo l'incontro dell'altro giorno tra noi, la proprietà, il sindaco di Modena, l'assessore provinciale Ceretti e Confindustria la situazione non è migliorata – denunciano Marco Balili (Slc-Cgil) ed Edmund Agbettor (Fistel-Cisl) – Mentre siamo impegnati a trovare una soluzione alternativa all'istanza di concordato per cessazione e alla procedura di mobilità, il proprietario Riccardo Bertolini dichiara l'indisponibilità a pagare gli stipendi dovuti ai lavoratori per il mese di giugno: la scadenza per il pagamento era martedì 15 luglio. Ormai è chiaro che Bertolini non sta mantenendo gli impegni assunti, anche alla presenza delle istituzioni, nei confronti dei suoi dipendenti». «Per noi – spiegano Balili e Agbettor – una possibilità per tentare di salvare la situazione è trasformare il concordato per cessazione in concordato con continuità per incentivare interessi da parte di altri imprenditori ed evitare il licenziamento immediato dei lavoratori. Mentre siamo impegnati a condividere il percorso di salvataggio, la direzione aziendale prende unilateralmente delle decisioni dannose per i lavoratori. In questo contesto sarebbe interessante comprendere come Confindustria valuta il comportamento di una figura di spicco dell'associazione a livello regionale».