«Murati dal cantiere e dalla gru»

di Maria Vittoria Melchioni Le clamorose aperture di H&M; e Zara avevano fatto pensare ai commercianti di via Modonella che i lavori di restauro di Palazzo Cremonini finalmente giungessero ad una fine. Invece, purtroppo, la gru e il cantiere sono ancora lì. I lavori condotti dalla Cooperativa di Costruzioni Modena a quanto riportato dal cartello affisso nella zona d'interesse, dovevano terminare nel dicembre 2013, data che è stata posticipata a fine febbraio e poi a fine aprile. Un procrastinare che è terminato con la sparizione del cartello stesso che indicava tutte le informazioni relative ai lavori in corso. I commercianti della via sono stremati. Non solo la crisi rende loro la vita già parecchio difficile in più da due anni devono fare i conti con un cantiere che va avanti molto a rilento, che occupa l'ottanta per cento della strada, che non permette un vero e proprio sbocco su via Emilia centro e che riempie i loro locali di polvere. A pagarne le conseguenze in modo più evidente è la pizzeria da "Italo" che in tutti questi mesi non ha potuto godere a pieno delle potenzialità di avere un locale in centro storico. In più, il trasferimento dell'ufficio postale, ha reso la stradina ancora più trafficata con i tanti utenti che lasciano le bici sul già ristretto passaggio pedonale, creando un ingorgo che sa più di malabolgia dantesca che di via centrale di una città civile come la nostra. Esasperati, i commercianti hanno deciso di far sentire la propria voce in Comune attraverso una petizione firmata non solo dai diretti interessati, ma anche da altri abitanti della zona, da chi la frequenta per lavoro e da chi ha a cuore il centro storico di Modena. In pochi giorni ha già riscosso un notevole successo: «Sono ormai tre anni che l'enorme gru gialla sosta in via Modonella, creando un vero e proprio muro che oscura visibilità e complica il passaggio della gente, condizionando pesantemente la vita dei residenti e le attività sia commerciali, sia pubbliche, che operano nella zona. È una situazione insostenibile - fa sapere il gruppo di cittadini- La permanenza della gru e il relativo inesauribile cantiere, la cui conclusione viene procrastinata di mese in mese, stanno causando gravi difficoltà agli abitanti e alle attività che da quella strada si affacciano sulla via Emilia centro. Quando avrà fine questo scempio?».