Sorpresa, +9% di assunti nel trimestre

Quasi 2600 nuovi contratti. Questa la stima occupazionale che rivelano per la provincia di Modena i dati del sistema informativo Excelsior a cura di Unioncamere e ministero del Lavoro. Si tratta delle previsioni occupazionali relative al secondo trimestre del 2014. Il trimestre si è appena concluso, non è possibile dunque ancora stabilire se le previsioni hanno trovato perfetto riscontro, ma la stima di Excelsior (il sistema informativo per l'occupazione e la formazione di Unioncamere) lascia ben sperare. Soprattutto a fronte delle indicazioni, per lo più di natura negativa, che arrivano da più parti: come le associazioni di categoria, che non negano la difficile situazione sul fronte occupazionale. Se si entra nel dettaglio di questa indagine, infatti, si osserva come nella provincia modenese siano previsti (nel secondo trimestre dell'anno) 2600 nuovi contratti, il 9% in più rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. La variazione positiva è il risultato di un incremento del 12% delle assunzioni dirette e di una stabilità (+1%) dei contratti atipici. In termini assoluti, in questo trimestre le assunzioni effettuate dalle imprese saranno pari a 1.960 unità (76% dei contratti totali), mentre i contratti atipici saranno 630 (33%). Il 60% delle 1.960 assunzioni di lavoratori dipendenti previste nella provincia modenese, dunque, sarà a tempo determinato. Riguardo ai settori e alla tipologia di impresa si segnala che grazie alle assunzioni collegate alla stagione estiva, tra il primo e il secondo trimestre dell'anno aumenta il "peso" delle imprese dei servizi. Queste dovrebbero concentrare il 68% delle 1.960 assunzioni programmate, dieci punti in più rispetto al trimestre precedente. Diminuisce quindi il peso dell'industria (costruzioni comprese), che nel secondo trimestre dell'anno non supererà il 32% del totale. Nell'industria il comparto che concentrerà una parte significativa delle assunzioni è quello della metalmeccanica ed elettronica (280 unità, il 14% del totale). Nel 55 per cento dei casi le assunzioni saranno rivolte a candidati in possesso di un'esperienza lavorativa nella professione o almeno nello stesso settore; tuttavia in 12 casi su 100 le imprese prevedono di avere difficoltà a trovare i profili desiderati. Aspetto importante è quello relativo alle assunzioni di giovani e donne. La quota di assunzioni rivolte ai giovani con meno di 30 anni dovrebbe attestarsi attorno al 36% del totale, tre punti in più rispetto al trimestre precedente. Per quanto riguarda il genere, le opportunità per le donne in provincia di Modena risultano pari al 50% del totale (erano il 37% nel trimestre precedente). Felicia Buonomo