Il giudice "avverte" Berlusconi

ROMA Il giudice del tribunale di Sorveglianza di Milano, Beatrice Crosti, ha richiamato Silvio Berlusconi ad attenersi alle prescrizioni del provvedimento di affidamento ai servizi sociali per la condanna nel processo Mediaset. La diffida riguarda le parole usate da Berlusconi sui giudici a Napoli nel corso della sua testimonianza nel processo a carico di Lavitola. Lo scorso 19 giugno, Berlusconi, testimone a Napoli nel processo a carico di Lavitola accusato di tentata estorsione in relazione ad appalti a Panama, aveva detto rivolto al collegio che «la magistratura è incontrollata, incontrollabile, irresponsabile e ha l'impunità piena». Il giudice del Tribunale di Sorveglianza Crosti, che nel concedere all'ex premier l'affidamento ai servizi sociali aveva fissato alcune prescrizioni tra cui proprio quella di evitare dichiarazioni offensive nei confronti dell'ordine giudiziario, ha deciso, dunque, di convocarlo al settimo piano del palazzo di Giustizia per una «diffida» o un «richiamo», ossia una sorta di "cartellino giallo" affinchè «non si ripeta più». Lo scorso 29 aprile, tra l'altro, Berlusconi, dopo la concessione dell'affidamento, aveva detto: «È ridicolo pensare che si possa rieducarmi consegnandomi a dei servizi sociali e a dei colloqui quindicinali con assistenti sociali». In un colloquio di circa un'ora, nel quale il leader di Forza Italia ha chiesto «scusa» spiegando che non voleva dare una valenza "tecnica" alle sue affermazioni davanti ai giudici di Napoli, ma solo fare una «battuta», il giudice Crosti gli ha fatto notare che quelle sono state espressioni «offensive». Da quanto si è saputo, inoltre il giudice gli ha fatto presente che i magistrati non sono solo quei pochi nomi che lui legge sui giornali, ma sono «tanti e lavorano tanto». E un uomo come lui, quando va a testimoniare in un processo, deve «sapersi comportare». Il giudice ha riletto a Berlusconi i passaggi dell'ordinanza di affidamento in prova ai servizi sociali nei quali si prescrive all'ex premier di evitare le «esternazioni pubbliche» e «offensive» contro le toghe, che «dimostrano spregio nei confronti dell'ordine giudiziario».