Eilàaa… Bongióren! O bonasìra sl'è già basôra. Pomeriggio, per gli uomini "in lingua". L'è sucès che quànd l'è gnû Pasqua, cùn la sô "ghéréghéra" (È accaduto che quando è stata Pasqua, con la sua "raganella"), àm sun truvê a descàrrer ed la cartulèina (mi son trovato a parlare della cartolina): bèla, colorèda, cùn rundanèini, pullsèin, campàn… e dìn-dòn-dàn. I tèimp, però, i càmbien… ièin cambiê… ?l campàn eglièin elètrichi e Giuvàni àl campanèr àn ghè piò. E gnànch i pullsèin, chi-èin gnû fóra da-l'incubatrìz 'd-l'alévamèint e… la ciòza l'àn ghè piò (i tempi sono cambiati, le campane sono elettrificate e Giovanni il campanaro non c'è più. E neppure i pulcini, nati dall'incubatrice e… non c'è la chioccia). E gnànch èl rundanèini, perchè chèl pochi ch'a-riva, èn sàn-ind'andèr dato che dèl stàl a-ghe-n'è sól óna: granda, d'azèr, disinfetèda tànt che di musèin àn-ghe-n'è piò (E nemmeno le rondini perché le poche in arrivo non sanno dove andare dato che di stalle ce n'è una sola: grande, in acciaio, asettica e senza moscerini). Sé: l'è un'èter mand. Divérs… technològich (dall'italiano tecnologico…), sèinza póza (a s'è armès sól quàla c'ag'avàm sàt a-al nès), sèinza malatìi (ed quìli vèci ch'ag'avìven 'na volta mèinter chèl nóvi, c'al s'fan murìr, èl cràsen a tót-andèr…) e cùn dla ròba da magnèr ch'la vìn dèd via e l'àn sà'd-gnìnt! (Un altro mondo. Senza puzza se non quella "sotto àl naso", senza malattie vecchie ma con le nuove, inguaribili, in aumento. E con il mangiare estero che non sa di nulla).Mo… gnàm a la cartulèina perchè, ànch quàla lè, l'àn ghè quesi piò… tànt ch'a-cràd c'àn-g-sià gnànch àl franchbàll specièl per mandèrla via. Che pchê! (Che peccato!)Per fortuna ci sono, sparsi un pò ovunque, musei e collezionisti che hanno raccolto questi preziosi e per-lo-più illustrati manoscritti che fanno la nostra storia. Una storia particolare perché riguarda immagini di paesaggi, oggetti, persone, luoghi spesso non più esistenti o profondamente mutati ma anche documento-immagine amorevole, dolce, che poteva significare un affetto, un amore, una ricorrenza, una amicizia solo in parte descritta dal limite di cinque parole scritte dal mittente per ottenere il diritto al francobollo scontato. Che peccato aver rinunciato a quegli "am'arcòrd". Beh… ìn n'éren po' menga sèimper simpàtichi èl cartulèini, interviene Piròun. Mè am'arcòrd bèin quànd aiò ricevû la cartulèina per andèr suldê. (micca erano poi sempre simpatiche le cartoline, interviene Piròun, io ricordo bene la cartolina ricevuta per andare militare.) Bella osservazione. Per mollare tutto della tua vita: lavoro, moglie, figli, genitori compresi, per un periodo di ferma, se non ricordo male, fra i sei ed i 18 mesi per il servizio di leva, bastava una semplice cartolina inviata dal Distretto Militare del Regno d'Italia. Ôoo… àl Re àl feva prest… Quànd às giva ch-l'è arivê la cartulèina a Tìzio, Càio o Semprònio, a vliva dir che in dàl gir d'un més lelò àl duviva andèr da-i Carabinér e partìr per la nàia (servizio militare). Mo però a sun d'acòrd cl'éra l'unica cartulèina antipatica. Am'arcord invece quànd tót qui chi andèven in viàz, ànch chè d'atórna (anche qui attorno), i mandeven i salut anch se lór i turnèven a cà préma ed la cartulèina… mo l'era bel savér che quànd l'era davanti a-al Dom e a la Ghirlandèina àl-t'aviva avû in-mèint (ti aveva ricordato). O quànd l'era andê a-àl mèr àl-t'mustrèva (ti mostrava) una spiàgia e di umberlòun cùn sàtta una bèla ragàza da desvistìr cùn i òc. E… quànd ed guardèv sàtta a-àl franchbàll s'a-ghéra scrét quèl… Noo… tóti bal… tóti cumplicaziòun inutili… Vlìv màtter i "méssagin" còl telefonèin chi-t'arìven in du e du quàter?? E alóra mè a ghe dmànd: mo… l'èt vésta cla bèla ragàza sàt-a-l'umberlòun? Con tanti cari saluti da Momo e Piròun.