Il Cagliari cade in casa col Pescara Ficcadenti rischia la panchina

CAGLIARI Il Cagliari ritrova il suo pubblico nel nuovo stadio Is Arenas di Quartu. Ma non trova il risultato. E rischia di perdere l'allenatore: i rossoblù dopo la sconfitta con il Pescara sono ultimi e Ficcadenti, contestato a fine gara dai tifosi, è in bilico. Una festa, quella del ritorno degli spettatori sugli spalti, rovinata dal Pescara, ora lanciato verso il centro classifica a un punto soltanto dal 'suo' Zeman. Cagliari bloccato da Terlizzi, uno che quando era giovanissimo giocava a pochi chilometri da Is Arenas, a Selargius: il difensore non solo ha segnato il gol del vantaggio, ma ha salvato a un metro dalla linea. CAGLIARI 4-3-3 Agazzi, Perico (22' st Casarini), Rossettini, Ariaudo, Pisano, Dessena (8' st Cossu), Nainggolan, Ekdal, Sau (10' st Astori), Pinilla, Ibarbo. All.: Ficcadenti PESCARA 4-3-3 Perin, Zanon, Terlizzi, Bocchetti, Balzano, Nielsen, Colucci (24' st Blasi), Cascione, Quintero (42' pt Weiss ), Vukusic (21' st Abbruscato), Caprari. All.: Stroppa Arbitro: Damato Reti: nel st 5' Terlizzi, 31' Weiss, 37' Pinilla su rigore. Note: angoli: 8 a 0 per il Cagliari. Recupero: 1' e 3' Ammoniti: Zanon, Blasi, Pisano, Ekdal, Nielsen e Rossettini per gioco scorretto, Weiss per proteste, Terlizzi per fallo di mano. Espulso al 9' Rossettini.