Fabinho disperso. Che fine ha fatto Turati?

Due protagonisti del girone d'andata, uno nel bene e uno nel male, sono finiti nel dimenticatoio canarino. Si tratta di Ayres Fabinho e Marco Turati. Il primo era arrivato nel mercato estivo assieme a Jefferson dall'Udinese, dopo una stagione positiva alla Salernitana: tanto positiva che almeno 3 squadre di serie B avevano bussato alle porte dei friulani. Alla fine l'aveva spuntata il Modena, ma i risultati sono stati quelli che tutti conosciamo, pessimi. Fabinho ha disputato 14 partite nell'andata con una sola rete, il pallonetto al Sassuolo, con prestazioni spesso deludenti che hanno spinto il Modena, anche in seguito alla contestazione che ha colpito direttamente il brasiliano, a restituirlo all'Udinese. L'operazione sarebbe già andata in porto se Fabinho avesse fatto rientro in Italia nei tempi prestabiliti. Il ritardo si è prolungato a tal punto da spingere il Modena a chiedere la rescissione del contratto e in effetti già in settimana Fabinho farà ritorno in maniera ufficiale all'Udinese. Diverso il caso di Turati, che arrivò in estate per sostituire Gozzi. Il difensore proveniente dal Grosseto inciampò nella prova televisiva contro il Bari e scontò 3 giornate di squalifica nella prima parte dell'andata. Dopo il suo rientro, però, si dimostrò uno dei punti di forza del Modena e anche grazie a lui il tracollo difensivo non fu totale, in particolare quando Bergodi lo spostò nella zona centrale. Il campionato di Turati si è fermato nel match casalingo contro il Vicenza quando accusò uno stiramento agli addominali: era il 3 dicembre. Nel periodo natalizio, però, ecco la tegola più pesante: le parole di Gervasoni che lo immischiarono nello scandalo scommesse. Stando a quanto testimoniato da Gervasoni Turati fu parte attiva nella combine del match AlbinoLeffe-Ancona, tanto da essere uno dei tre –assieme a Colacone e Mastronunzio – a portare fisicamente i 15mila euro pattuiti allo stesso Gervasoni. Nel frattempo Turati, che al momento non è indagato, ha recuperato dall'infortunio e da due settimane si allena con regolarità con i compagni. Per questo l'esclusione di Pescara, dove è finito addirittura in tribuna, è parsa sospetta. E' chiaro che ora i centrali in rosa siano diversi (Diagouraga, Perna, Carini e Perticone), ma Turati è un giocatore che ha dimostrato il proprio valore e perderlo per strada sarebbe un delitto. (gib)