La "terapia Di Bella" presentata al congresso oncologico in Cina

Il 'metodo Di Bella" per la cura dei tumori, la terapia messa a punto dal fisiologo modenese scomparso nel 2003 a 91 anni, è stato presentato al congresso mendiale di Oncologia. La terapia è stato una degli argomenti di cui si è discusso a Dalian, in Cina, alla presenza di esponenti di primo piano nella ricerca internazionale, tra cui il Nobel Andrew Schally. Giuseppe Di Bella - figlio dello scomparso Luigi di Bella è stato invitato a presiedere una seduta della quinta sezione del congresso. 'Le terapie antitumorali innovative e integrate", questo il titolo della sessione in cui è intervenuto Di Bella: durante l'incontro sono state presentate agli specialisti, sempre a cura della Fondazione Di Bella, tre diverse relazioni scientifiche. «Sono stati presentati carcinomi della mammella guariti stabilmente unicamente con MDB, senza intervento - dichiara il dottor Giuseppe Di Bella, che opera da anni per la diffusione della terapia messa a punto dal padre, fisiologo e docente universitario - Leucemie linfatiche guarite da 10 anni, con un incremento tra il 200 e il 300 per cento delle medie di sopravvivenza dei carcinomi polmonari NSCLC rispetto ai dati ufficiali reperibili in letteratura. L'intero MDB, i casi clinici guariti senza intervento, chemioterapia o radioterapia sono stati pubblicati anche da riviste scientifiche internazionali reperibili sulla banca dati all'indirizzo www.pubmed.gov».