E' morto Gidiuli, cantò a Sanremo

VIGNOLA.La musica modenese in lutto per la morte di del 69enne Giuseppe Gidiuli. Per i giovani è un nome sconosciuto ma per gli evergreen è stato un personaggio che negli anni '60 si è saputo ritagliare una fetta di popolarità nel panorama musicale. Giuseppe si è spento al policlinico ma abitava a Vignola con la sua famiglia. Nato a Trepuzzi (Lecce) è stato un artista che si ricorda anche per aver fatto parte del gruppo modenese dei Condors con il nome d'arte 'Pino di Lecce". Dopo le prime esibizioni nei concorsi canori della sua regione, partecipa con il suo nome completo al 'Festival di Castrocaro" del 1965, con le canzoni 'La casa del sole" e 'Da quando sei andata via", arrivando alla fase finale. Viene notato da Walter Guertler che gli propone un contratto discografico con la Jolly e lo fa debuttare con il primo disco; nel 1966 partecipa al 'Festivalbar" con 'Grazie". Nel 1967 prende parte al Festival di Sanremo, scelto da Domenico Modugno per presentare insieme a lui la canzone 'Sopra i tetti azzurri del mio pazzo amore". Nello stesso anno partecipa a 'Un Disco per l'Estate" con 'Tanto". E' inoltre ospite in alcune trasmissioni televisive come 'Settevoci" e si esibisce dal vivo col gruppo 'Gidiuli & The Douglas Group". Poi abbandona l'attività musicale. A proseguire la passione ci ha pensato suo figlio Fabrizio. (n.c.)