Sette nuovi autori nell'albo d'oro del "Delfini"

MODENA. Sono Antonella Bukovaz (Cividale del Friuli, Udine, 1963), Marco Giovenale (Roma), Vincenzo Ostuni (Roma, 1970), Gilda Policastro (Salerno), Marilena Renda (Erice, Trapani 1976) e Silvia Salvagnini (Venezia, 1982) i vincitori della quinta edizione del Premio di poesia intitolato al poeta e narratore modenese Antonio Delfini (1907 - 1963), che si svolgerà a Modena, il 23 maggio 2009.
A selezionare a livello nazionale i sei giovani autori è stata una giuria composta da critici letterari e poeti: Brunella Antomarini, Nanni Balestrini, Andrea Cortellessa, Niva Lorenzini, Giulia Niccolai, Tommaso Ottonieri. Il 23 maggio, alle 20.30, al Teatro delle Passioni, i poeti vincitori presenteranno le loro opere in uno spettacolo di performances accompagnate da azioni, elementi visivi e musicali. Ogni poeta sarà introdotto da un membro della giuria. La serata della manifestazione, organizzata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena e a ingresso gratuito, sarà presentata da Alberto Bertoni, critico e docente dell'Università di Bologna. Si aprirà con una lettura di poesie di Antonio Delfini, eseguita dall'attrice Iaia Forte, accompagnata da interventi musicali di Luigi Cinque. Ideato nel 2001 dal gallerista Emilio Mazzoli, dallo scrittore Nanni Balestrini e dal critico d'arte Achille Bonito Oliva, il Premio biennale di poesia Antonio Delfini, promosso dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Modena con il patrocinio del Comune di Modena, si propone di valorizzare i più recenti percorsi di poesia italiana contemporanea. Ad ogni edizione il Premio seleziona le opere inedite di sei giovani autori italiani, presentati da noti critici letterari. Le raccolte poetiche vengono pubblicate in un volume a tiratura limitata, racchiuso in un cofanetto. Viene inoltre assegnato un premio alla carriera, riservato a un poeta affermato del panorama internazionale. Il cofanetto che conterrà le raccolte quest'anno è opera del pittore modenese Mario Giovanardi. Attribuito nelle ultime edizioni a Alfredo Giuliani, allo statunitense Robert Creeley e all'inglese Tom Raworth, nel 2009 il Premio Internazionale alla Carriera, sarà assegnato invece al francese Bernard Heidsieck, che nel corso della serata presenterà un video della sua opera e sarà introdotto dal poeta e critico letterario Giovanni Fontana. Bernard Heidsieck è stato dal 1955, a Parigi, uno dei pionieri dell'effervescente e internazionale movimento della 'Poesia sonora", da lui ribattezzata 'Poesia azione": al di là della poesia scritta, una poesia per la voce, per la recitazione, per il corpo. La sua opera, libera e inclassificabile, appare come una delle più inventive e fondanti del XX secolo. Antonio Delfini, il 'grande irregolare" della letteratura italiana, è noto sopratutto per il libro 'Il ricordo della Basca", edito per la prima volta nel 1938 e ristampato nel 1956 con un'introduzione narrativa giudicata il suo capolavoro. Ripubblicato infine col titolo 'I racconti", nel 1963 vince il Premio Viareggio. E' di recente pubblicazione una raccolta di racconti editi.
Quella del 23 maggio, a Modena, sarà una giornata interamente dedicata alla letteratura: nello stesso giorno in cui sarà assegnato il Premio Delfini, infatti, si terrà anche la cerimonia di premiazione del Premio Alessandro Tassoni, in programma alle 18 al Teatro San Carlo, quest'anno assegnato a Maria Rosa Cutrufelli per la narrativa, Alberto L'Abate per la saggistica, Cesare Viviani per la poesia e Dacia Maraini (honoris causa).