Blitz nel laboratorio, scoperti 8 clandestini

Blitz di polizia, vigili e addetti dell'Inps in un laboratorio tessile di via Remesina.
L'intervento ha portato all'identificazione di 19 cittadini cinesi, alcuni sorpresi a lavorare altri in riposo, otto dei quali irregolari sul territorio nazionale. Questi ultimi sono cosi stati accompagnati in Commissariato dove si è proceduto al loro fotosegnalamento. Tra questi, tre donne risultavano colpite da decreto di espulsione e ordine del Questore di lasciare il territorio nazionale, due da Modena ed una da Mantova, e venivano tratte in arresto e giudicate con rito direttissimo. Agli altri clandestini veniva notificato il decreto di espulsione.
Nella stessa serata un analogo controllo è stato portato a termine in Via Giandegola dove sono stati identificati altri 15 cittadini cinesi, tutti in regola con la normativa relativa al soggiorno degli stranieri. Infine Ps, vigili e Inps sono arrivati in via Cadamosto, in un altro laboratorio. In questo caso i tre cinesi presenti sono stati identificati ed è risultato che solo uno era clandestino ed è quindi stato espulso dal territorio.
Il personale dell'Inps ha provveduto ad assumere dai lavoratori, regolari e non sul territorio nazionale e regolarmente assunti e non, tutte le informazioni connesse alla loro attività svolta nelle ditte controllate l'altra notte. Al termine degli accertamenti incrociati di competenza, verranno elevate le previste contravvenzioni amministrative e l'eventuale chiusura temporanea delle attività risultate inottemperanti alla normativa relativa all'assunzione ed al lavoro di personale non assunto e, oppure, non in regola in Italia. In via Cadamosto, lo ricordiamo, non è la prima volta che la polizia effettua controlli. Altri sono in programma, sempre sul territorio carpigiano, nelle prossime settimane. Si tratta di controlli per tutelare il lavoro nel rispetto delle regole.