Tra 200 giorni Milano-Bologna in un'ora

ROMA. «Fra 200 giorni il primo treno ad alta velocità sfreccerà tra Milano e Bologna in un'ora». Lo annunciano le Ferrovie dello Stato che spiegano che «dal lancio del conto alla rovescia, domenica 16 dicembre 2007, numerosi sono i traguardi raggiunti nella progressione dei lavori». Ad oggi l'avanzamento complessivo ha raggiunto il 91%. E' stato completato l'armamento (binari, traversine) ed è stata terminata l'elettrificazione dell'intera linea.
Dei 100 chilometri di barriere antirumore previste dal progetto ne sono state installate oltre la metà. Dei 750 ettari di interventi a verde ne sono stati realizzati il 70%, sottolinea Fs che rileva che sono trecento le corse-prova effettuate, con una delle quali è stato raggiunto, il primo marzo scorso, il record di velocità italiano di 355 chilometri all'ora. La linea Alta velocità/Alta capacità Milano-Bologna si sviluppa da Melegnano (a Sud del ponte sul fiume Lambro) fino a Lavino (ad Ovest del torrente omonimo), per 182 km. Attraversa la Pianura Padana passando per le province di Milano, Lodi, Piacenza, Parma, Reggio Emilia, Modena e Bologna.
«Con l'attivazione commerciale della linea Bologna sarà a solo un'ora dal capoluogo lombardo», sottolinea l'azienda. L'87% della nuova linea ad alta velocità, sottolinea Fs a proposito della Milano-Bologna, si sviluppa in rilevato, l'11% su viadotti e il 2% attraverso gallerie artificiali.
Sono 210 i chilometri complessivi di armamento (traversine e binari), sistema di alimentazione elettrica e tecnologie. Otto sono le interconnessioni con la linea esistente, lunghe complessivamente 28 chilometri: una a Melegnano, due a Piacenza (Ovest ed Est), una a Fidenza, una a Parma, due a Modena (Ovest ed Est), una a Lavino.
Saranno funzionali al passaggio dei treni dalla linea veloce a quella esistente e viceversa (per i collegamenti con le stazioni intermedie) e svolgeranno un ruolo strategico nel potenziamento del trasporto merci. E a Reggio Emilia, conclude la nota di Fs, sarà realizzata una fermata intermedia firmata dall'architetto catalano Santiago Calatrava.