L'Inter ricomincia con il piede sbagliato

LONDRA. Per l'Inter di Mancini non è ancora tempo di rivincite. I nerazzurri partono male nella prima giornata della Emirates Cup rimediando una sconfitta per 2-0 dal Valencia, la squadra che con due pareggi aveva cancellato i nerazzurri dall'ultima Champions League. Gara decisa nel primo tempo, durante il quale gli spagnoli propongono un gioco più ricco di personalità, anche se entrambi i gol sono frutto di episodi non fortunati per i nerazzurri.
Nella prima occasione da gol, Francesco Toldo è sorpreso dalla conclusione di Gavilan, mentre nella seconda la deviazione dello stesso Gavilan è assolutamente casuale - un tocco con la schiena - su punizione diretta calciata da Villa.
Mancini rinuncia poi anche a Samuel e Stankovic (che hanno svolto un lavoro personalizzato nel ritiro inglese) e si schiera con quattro ragazzi della Primavera subendo il gioco degli avversari che al 13' sono già in gol.
Mancini cambia allora l'assetto della squadra, arretrando Cesar sulla linea della difesa e avanzando Maxwell per formare un centrocampo a tre con Luis Figo trequartista dietro le punte Cruz e Ibrahimovic. L'occasione più interessante capita proprio all'argentino al 27' quando, lanciato da Ibrahimovic, Cruz chiama Canizares a una grande parata.
Nel finale del primo tempo, Adriano in campo al posto di Ibra e Inter che vede terminare sul palo la palla del pareggio calciata da Maxwell. Canizares stavolta non ci sarebbe arrivato.
Da una punizione dubbia arriva invece un minuto dopo, al 38', il raddoppio del Valencia: il tiro a giro di Villa è deviato con la schiena da Gavilan e supera Toldo nell'angolino di sinistra. Poi ancora Valencia, con salvataggio di Toldo in uscita bassa. Nella ripresa Mancini si gioca il tridente inserendo Suazo con Adriano e Cruz e mandando Maxwell a fare il terzino destro (il ruolo più scoperto in questo periodo estivo, non essendo ancora rientrati dalle vacanze, dopo la Coppa America, Maicon, Javier Zanetti, Burdisso e Cordoba). Cruz non arriva a chiudere in rete di testa un traversone da sinistra di Santiago Solari, mentre Suazo tiene in apprensione la difesa spagnola con una serie di iniziative. Canizares deve salvare in angolo, a mano aperta, proprio sull'honduregno (26' st) e poi ancora Suazo, con un esterno sinistro, cerca e non trova la via della porta (36' st). Finale con i nerazzurri all'attacco, ma pericolosa la replica del Valencia che in contropiede con Angulo sbaglia l'occasione per il 3-0. Il regolamento della Emirates assegna 5 punti al Valencia (3 per la vittoria uno ciascuno per i gol) mentre l'Inter resta a zero.
«E' chiaro che tutti vogliono vincere ogni partita - spiega alla fine dell'incontro Luis Figo -, ma in questi casi è molto importante provare al meglio le varie soluzioni che ci propone il tecnico. Domani affronteremo i padroni di casa dell'Arsenal, sarà una altra tappa di questa fase sperimentale di preparazione. Dobbiamo cercare di acquisire sempre più il ritmo giusto per poter fare meglio».