Sassuolo, ecco Giovanni Rossi


di Paolo Seghedoni
Il Sassuolo ha scelto il direttore sportivo. E' Giovanni Rossi, quarantenne ex attaccante di Carrarese, Catania, Messina e Brescello ed ex diesse dell'Aglianese in serie C2 e del Prato in C1. Rossi, dopo aver raggiunto l'accordo col Sassuolo, si è messo immediatamente al lavoro
E' proprio Giovanni Rossi il nuovo direttore sportivo del Sassuolo. La voce, circolante da ormai qualche giorno, è stata confermata ieri dalla società neroverde, che ha ufficializzato l'ingaggio del giovane diesse toscano che sarà presentato questa sera alle 19.
Rossi, 40 anni, ha giocato come attaccante in diverse squadre (tra cui Carrarese, dove ha conosciuto Gian Marco Remondina, Catania, Messina e Brescello, dove invece ha avuto modo di conoscere Nereo Bonato) è nato a Marina di Carrara e ha lavorato come direttore sportivo nell'Aglianese (dove ha smesso di giocare) in serie C2 e nel Prato in C1.
E' dunque la prima esperienza fuori dalla Toscana per il nuovo diesse neroverde: «Arrivo a Sassuolo con lo spirito giusto, so di essere approdato in una società seria che sa quello che vuole». Queste le prime parole del nuovo direttore del Sassuolo, che poi prosegue: «Il lavoro è già stato impostato, e non si discosterà da quello già iniziato con profitto negli anni scorsi, spero di riuscire a proseguire sul solco già tracciato da Bonato negli anni precedenti». Rossi ha incontrato nei giorni scorsi sia il presidente (l'omonimo Carlo Rossi) che Lauro Silvestrini. L'accordo è stato raggiunto molto rapidamente: «E' proprio cosi, fino all'inizio della scorsa settimana non ero stato nemmeno contattato. Abbiamo trovato immediatamente l'accordo e sono soddisfatto». La conoscenza con Remondina sarà sicuramente importante: «Il tecnico l'ho conosciuto diversi anni fa alla Carrarese, quando ero ancora un ragazzino e muovevo i primi passi nel mondo del calcio. E' chiaro che ora dovremo trovarci al più presto e cominciare subito a lavorare per progettare la nuova stagione. Sappiamo di dover affrontare un campionato difficile, ma l'entusiasmo non manca e nemmeno l'umiltà e la voglia di lavorare duro. Approfondiremo con la società e con lo staff tecnico i dettagli da mettere a punto per la prossima stagione sportiva».
C'è subito da lavorare: ci sono giocatori da confermare, altri da acquistare. Rossi sa che non è presto, ma non è preoccupato: «I playoff, inevitabilmente, hanno fatto slittare di qualche giorno l'inizio del lavoro per la nuova annata. Lo sappiamo bene e proprio per questo cominceremo da subito a lavorare. Non mi chieda però nomi di giocatori...». Lo stile è proprio quello di Bonato, la speranza per i tifosi neroverdi è che anche i risultati siano in continuità con la precedente gestione.