Signore in pelliccia, stivali da cowboy e uomini con il cappello

WASHINGTON.Pellicce e cappelli da cowboy per il popolo di George W. Bush che ieri, sfidando i rigori meteorologici, ha riempito i pendii della collina del Campidoglio per assistere alla cerimonia del giuramento. Il freddo polare ha levato alle donne repubblicane ogni remora, se mai c'era stata, a indossare visoni e volpi, castori e zibellini. Per gli uomini di fede bushiana il cappotto grigio scuro di ottimo taglio è stato completato da un accessorio di ispirazione texana: il cappello da cowboy. E' entrato sul palco del giuramento con in testa un cappello da J.R. il senatore Orrin Hatch dello Utah, ma anche Arlen Specter, dello stato per nulla western della Pennsylvania. Per Specter, neo presidente della Commissione Giustizia del Senato, l'omaggio texano aveva il sapore di un ramoscello di ulivo: i repubblicani conservatori della «Cintura della Bibbia» lo sospettano di simpatie pro-aborto, peccato mortale per la destra religiosa, e non gli perdonano di aver concesso ai democratici un rinvio la conferma di Alberto Gonzales, ministro della Giustizia designato nella seconda amministrazione. Tra le donne, di rigore il bianco, «winter white», come si dice in America: ha dato il via Laura Bush con un cappotto redingote firmato dallo stilista newyorchese ma dal nome ispanico Oscar de la Renta che aveva vestito anche la figlia Jenna in beige chiarissimo. Bianco invernale anche per Doro Bush, la sorella del presidente. Pastelli invece per Lynne Cheney, la moglie del vicepresidente Dick Cheney, e per le figlie Mary e Elizabeth. Ed è stato ad Elizabeth che è capitato l'infortunio temuto da molte donne di trovarsi accanto, in un'occasione speciale, una'gemella' vestita allo stesso modo: un cappottino con collo di pelliccia identico a quello della figlia del vicepresidente è circolato addosso alla addetta al cerimoniale del Senato incaricata di scortare il padre sul palco del giuramento.
Per difendere dal freddo le tribù bushiane molti animali erano stati sacrificati: Judy Giuliani, moglie dell'ex sindaco di New York Rudolph Giuliani, è arrivata avvolta in un visone chiaro lungo fino ai piedi. Visone anche per la moglie del capo dell'Fbi Robert Mueller e gran collo di volpe e guanti in stampato ocelot per Karen Hughes, confidente e consigliere del presidente nel primo mandato. Condoleezza Rice ha sfidato i rigori invernali con un colbacco di pelo. Niente pellicce invece per Hillary Clinton che ha optato per un giaccone tirolese. Né per la matriarca del clan dei Bush Barbara, vestita in tailleur pantalone color verde petrolio e ammantata da uno scialle rosso vivo. Quanto alla sera il lungo è stato di rigore: «Non hanno chiesto un vestito per l'Insediamento, hanno chiesto tutte vestiti da sera», ha rivelato Patti Cummings, portavoce del Neiman Marcus della Mazza Gallery, un centro commerciale di Washington.