Calcio donne. Il Modena battuto 4-0 dal Milan, addio Supercoppa Bellentani cola a picco Le `canarine' in ritardo di preparazione


MONTECATINI - Dura appena sei minuti il sogno della Bellentani Modena di mettere nella sua bacheca la Supercoppa Italiana di Lega. Il Milan, più forte atleticamente, ha avuto vita facile contro le gialloblù che, dopo dieci minuti, già erano a corto di fiato. La vigilia di questa gara unica, giocata a Montecatini, era stata molto agitata tanto e vero che D'Astolfo e Bertolini avevano lasciato il ritiro non avendo trovato l'accordo su alcuni punti con il presidente Maramotti. Anzi, il presidente dopo la gara ha detto che le due giocatrici sono sul mercato. Mister Cannatello si è trovato così con solo tredici giocatrici e non ha potuto contrastare la migliore freschezza delle meneghine. Per la Bellentani un punto di partenza ma anche uno sguardo sul mercato. La preparazione atletica, che doveva essere curata da Bertolini, è stata il punto debole delle gialloblù che pure hanno giocato una buona gara. Quando però non ci sono le gambe, c'è poco da fare. Cronaca. Al 6' il primo gol del Milan. Madsen dalla destra effettua un preciso lancio in area modenese, controlla di mano Gazzoli ma l'arbitro fa proseguire ed è facile per Tagliacarne battere Antonini. La Bellentani cerca la reazione e al 7' Capo per poco non agguanta il pareggio. Ci provano anche Tommasi (18') e Fiscardi (25') ma le azioni sfumano per un niente. Al 29' invece arriva il raddoppio per il Milan con un contropiede di Gazzoli che nessuna gialloblù riesce a contrastare. Inizia bene la squadra di Cannatello nel secondo tempo ma si tratta solo di un fuoco di paglia perchè alla prima occasione le ragazze di Tabacchi calano il tris. Tiro-cross di Ceroni dalla destra, Antonini respinge di pugno, raccoglie Illiano che batte il portiere modenese. Le canarine potrebbero accorciare le distanze ma non c'è più partita. Anzi, l'arbitro al 92' ®regala¯ anche un rigore al Milan per un presunto fallo di Nicoli su Tagliacarne. Si incarica della trasformazione Madsen. Da questa squadra non si poteva pretendere di più, visto anche il periodo di preparazione. Dopo il forfait di Bertolini come preparatore atletico, Mister Cannatello ha deciso di prendere in mano la situazione per cercare di recuperare in fretta il tempo perduto. Anche il presidente Maramotti alla fine ha fatto i complimenti al Milan, che già nello scorso campionato mise fine alla lunga serie positiva di Maurizio Berselli. ®Voltiamo pagina - ha detto il presidente Maramotti - e cerchiamo di recuperare in fretta. Siamo di nuovo sul mercato per cercare di allargare la rosa delle giocatrici. D'Astolfo e Bertolini sono in vendita e a Modena hanno chiuso. Non è più tempo di fare delle chiacchiere. A questo punto bisogna rimboccarsi le maniche e guardare avanti¯. Nicola Calicchio