Calcio femminile. Amadio dopo il secondo scudetto di fila Adesso quale futuro? Si spera nel mirandolese Signoretto


LA FESTA è finita ma quale futuro si prospetta per l'Amadio Modena di calcio femminile? Nei prossimi giorni sapremo se le ragazze gialloblù potranno difendere il tricolore oppure se ognuno prenderà la sua strada. Saranno giorni molto nebulosi anche perchè, in due anni, la città ha dimostrato che il calcio femminile è uno sport di `seconda mano' che non infiamma gli sportivi. Politici, amministratori e industriali gialloblù non sono mai stati vicini alla società che ha fatto enormi sforzi economici per condurre l'Amadio alla conquista di due scudetti consecutivi. Anzi, quest'anno nella città geminiana nessun'altra squadra ha saputo fare meglio delle canarine. Ma, evidentemente, questo non basta.di Nicola CalicchioDomenica allo stadio ®Fortunati¯ di Pavia c'era Luigi Signoretto, presidente della Mirandolese, che ha allacciato una trattativa con Massimo Maramotti, per cercare di vedere se vi sono possibilità concrete per subentrargli. Semplice spettatore oppure una visita interessata? Signoretto non è rimasto certo insensibile alla festa gialloblù sul manto verde e potrebbe decidere di tuffarsi in questa affascinante avventura. Ma solo lui, probabilmente non basta. Ci vuole un pool di persone che dia certezze per non ritrovarsi alla fine di ogni anno, con gli stessi problemi del passato. ®Vedremo cosa si può fare¯ ci aveva detto il presidente della Mirandolese alla fine del primo tempo della gara-spareggio Amadio-Cascine. Massimo Maramotti, anche nel corso della festa-scudetto, che si è svolta in un ristorante modenese, ha confermato che che il suo abbandono è definitivo. ®Non si può andare avanti con una federazione del genere - ha puntualizzato. Vincere lo scudetto non è gratificante perchè non viene dato neppure un premio in denaro. Giulivi ci deve spiegare perchè nel Cnd le squadre di testa vengono premiate con sussidi economici mentre nel settore femminile tutto tace. Se venisse concesso qualche contributo anche i presidenti sarebbero invogliati ad andare avanti. E' una situazione questa che non coinvolge solo Modena, ma anche le altre squadre sono nelle stesse nostre condizioni, compreso il Cascine che ci ha conteso lo scudetto sino al termine¯. ®Prendiamo per esempio Morace - conclude uno sconsolato Maramotti. Come si fa andare a far andare via una giocatrice con tanta esperienza e intelligenza. Se io fossi in federazione me la terrei stretta anche se è costosa¯ Adesso per i tifosi c'è l'attesa. Già due anni fa successe la stessa cosa e solo all'ultimo momento, dopo un appello lanciato dalla Gazzetta e da Nadia Melargo, spuntò Massimo Maramotti che ha fatto vivere ai tifosi e città un sogno lungo due anni. Anche stavolta spunterà all'orizzonte un nuovo presidente per l'Amadio regina d'Italia?