Ucraina, la Ue congela le sanzioni

MOSCA L’Unione europea ha adottato ieri il nuovo pacchetto di sanzioni contro la Russia nell’ambito della crisi ucraina, ma ha deciso di rinviarne l’applicazione per permettere «la valutazione della messa in atto del cessate il fuoco e del piano di pace», che può essere «rivisto in base al

Ucraina, rotta la tregua: una vittima

ROMA La fragile tregua siglata venerdì a Minsk da Ucraina e separatisti filorussi non ha retto. Si continua a morire sotto le bombe in Ucraina orientale. Una donna è stata uccisa nella notte di sabato nei pesanti scontri scoppiati nella città portuale di Mariupol, sul mare di Azov. Altre t

Mogherini commissario agli Esteri Ue

di Lorenzo Robustelli wBruxelles. Matteo Renzi l’ha spuntata: Federica Mogherini, sarà il nuovo Alto rappresentante dell’Ue per la Politica estera. Il Consiglio europeo riunito ieri l’ha nominata, insieme al premier polacco Donald Tusk, che sarà il nuovo presidente del Consiglio europeo. «

Lady Pesc, Mogherini ancora favorita

Quattro giorni cruciali da qui al vertice Ue straordinario di sabato, chiamato a decidere sulle personalità-guida della Ue dove la candidatura a “Lady Pesc” di Federica Mogherini (nella foto) sembra mantenere quota, come sottolineava ieri lo “Spiegel”. Anche se, fanno sapere qualificate fo

l’europa e le riforme

di Lorenzo Robustelli wBRUXELLES A piccoli passi, con fatica le insistenze di Matteo Renzi (e degli altri leader socialisti europei) insieme ad un’analisi dei dati (con la disoccupazione che non cala) a qualcosa stanno portando. È stato solo un soffio d'aria fresca, ancora non c'è nulla di

Renzi punta a una poltrona “pesante”

ROMA L'Italia non scopre ancora le sue carte. Ma nella cruciale partita delle nomine europee che si gioca questa settimana tra Ypres e Bruxelles - dove i leader si riuniranno per il vertice Ue - Matteo Renzi ha le sue mire. E anche ambiziose: una delle quattro posizioni di rilievo delle is

Ora solo Calderoli difende l’immunità

di Maria Berlinguer wROMA L’immunità per i senatori? «Chiedete a Calderoli e alla Finocchiaro, noi non c’entriamo nulla». Alla vigilia di una settimana decisiva per le riforme Paolo Romani nega che dietro la proposta di reintrodurre l’immunità per i senatori ci sia la lunga mano di Forza I

Il testo è atteso in aula il 3 luglio

Per approvare la riforma del Senato sarà necessaria una marcia a tappe forzate. Per la presentazione dei sub-emendamenti ci sarà tempo fino al 25 giugno mentre il testo della riforma dovrebbe approdare nell’aula del Senato il 3 luglio. In commissione la sostituzione di Corradino Mineo e Ma

Il populista che non vuole stranieri

di Lorenzo Robustelli wBRUXELLES Nigel Farage, il leader del partito nazionalista, anti-immigrati e antieuropeo britannico Ukip ha un problema dentro casa. Uno dei suoi cavalli di battaglia è che «il welfare britannico deve essere solo per i britannici» e che «i lavoratori europei stanno r

Renzi a Bruxelles per cambiare regole

BRUXELLES Renzi non raggiunge i leader del Pse, e a Bruxelles, causa anche un ritardo, preferisce rendere omaggio alle vittime della strage di domenica al museo ebraico. Poi si chiude con i suoi consiglieri in attesa dell’inizio del Consiglio europeo. Tra i leader dei grandi Paesi dell’Ue

Obama: Russia “sospesa” dal G8

di Maria Rosa Tomasello wROMA La crisi ucraina riavvolge di sedici anni il nastro della Storia. La Russia è fuori dal G8, esattamente com’era stata fino al 1998, quando venne ammessa nel club dei Paesi più industrializzati del mondo. Almeno per un giro. Il vertice previsto a Sochi, in terr

il governo alla prova

di Lorenzo Robustelli wBRUXELLES Non è andata male ma non è stato neanche un successo. Con Josè Manuel Barroso il rapporto è sereno, ma non si strappa nulla, sì, Renzi «è sulla buona strada», ma quel che contano sono gli arrivi, e nell’ultimo anno il fiorentino è l’ultimo di tre presidenti

Grillo: Renzi bambinone spietato

di Maria Berlinguer wROMA «Il debito pubblico è immorale, noi non lo pagheremo più, io sono per fare come la Germania coi debiti di guerra nel 53, pagheremmo quello che possiamo pagare, strappiamo il fiscal compact». È ricetta che Beppe Grillo propone nella sua prima intervista televisiva