Una raffica di cantieri in corso Viabilità rivoluzionata e disagi

CASTIGLIONE DELLE STIVIERE. Cantieri aperti e strade vietate al traffico, in questi primi giorni di luglio. I disagi più grandi, al momento, si registrano nel centro storico, dove è off limits anche lo sbocco di viale Maifreni su via Zanardelli. In questi giorni è partito il cantiere per la realizzazione di una nuova rotonda. I lavori, iniziati lunedì, vedono chiuso l'accesso alla ex Goitese da via Zanardelli. Dalla rotonda di località Grassole, dunque, non si può entrare in via Zanardelli e da questa non si accedere in via Mazzini.Di conseguenza il traffico, al momento, è deviato sulla piccola via Mulini (dove c'è l'accesso anche alla Goitese) per l'uscita sull'ex Goitese, mentre per entrare a Castiglione non resta che percorrere viale Maifreni e svoltare poco prima del cantiere in via Zanardelli con le vie perpendicolari. I disagi maggiori si registrano nelle ore di punta. L'amministrazione ha fatto sapere che i lavori finiranno con l'apertura delle scuole quando, da viale Maifreni, passeranno anche i bus e le corriere che devono avere accesso alla statale. Altro disagio è in via Marconi, dove però i lavori di restauro erano ormai non più rinviabili. L'acciottolato, da tempo danneggiato, necessitava di manutenzione (in molti chiedono anche un marciapiede) e serviva la chiusura temporanea della via che collega il duomo a piazza Ugo Dallò. In questo caso il traffico si è riversato su via Battisti e via Garibaldi, in particolare quello diretto a piazza Dallò. Il disagio, tuttavia, è limitato comunque ai giorni di apertura del cantiere. Altra zona nevralgica è via Porta Lago. I lavori per la nuova rotonda sono in dirittura d'arrivo ma resta comunque chiuso il varco che da via Porta Lago sbocca in via Napoleone III, la provinciale che porta a Desenzano del Garda. In questo caso, per accedere al paese, chi arriva da Desenzano deve salire da via Ripa Castello, mentre per mettersi nella direzione del lago occorre uscire dal quartiere San Pietro, in direzione Esenta, sulla tangenziale che, come è noto, è letteralmente piena di buche e di toppe precarie che rendono quella strada molto pericolosa. A questi cantieri si aggiungono gli asfalti del primo lotto 2019, un investimento importante che l'amministrazione ha concretizzato in queste settimane.Sono tante le strade - periferiche e no - che sono in corso di sistemazione. A breve, inoltre, partirà il cantiere in piazza Dallò che vedrà la sistemazione, di concerto con i privati che abitano la piazza, delle facciate dei palazzi. Per alcuni mesi, dunque, la piazza resterà chiusa anche se il cantiere non dovrebbe creare disagi per i parcheggi che costeggiano la piazza e, allo stesso tempo, ai plateatici della piazza. -Luca Cremonesi BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI