Senza Titolo

La classe 3 BS dell'istituto Strozzi e la 2D del Mantegna sono i vincitori del concorso "PretenDiamo la legalità" promosso dalla Polizia di Stato. I ragazzi, insieme agli studenti di altre dieci scuole medie della provincia (Bozzolo, Rivarolo Mantovano, Goito, Curtatone, Marmirolo, Borgoforte, Quistello, Viadana, San Giacomo delle Segnate e Ostiglia), hanno partecipato al progetto che ha visto la Questura e la Polizia postale entrare da novembre negli istituti per degli incontri formativi di circa un'ora e mezza legati al tema della legalità. Focus in particolar modo sul cyberbullismo, i rischi e i pericoli del web, la responsabilità penale e l'utilizzo dell'applicazione YouPol che permette di interagire con la polizia inviando segnalazioni con video o testi di episodi di bullismo e di spaccio di stupefacenti.Partendo da questi temi, gli studenti hanno realizzato degli elaborati. I primi due classificati, che parteciperanno al concorso nazionale, sono stati premiati ieri mattina dal questore Paolo Sartori. Sul primo gradino del podio lo Strozzi che ha preparato il graphic novel "Le ali della libertà". Ventiquattro tavole che hanno come protagonista il commissario Mascherpa impegnato in un caso di omicidio a Diamante, in Calabria, che è collegato con Mantova.Il secondo posto va al Mantegna per il video incentrato sul tema della legalità dove è stato sviluppato il concetto "Senza regole non c'è libertà". I partecipanti hanno confrontato la società di oggi con quella di Boccaccio. L'iniziativa è stata seguita dal vice questore Loredana Vento e da Elena Scarpanti del Provveditorato agli studi. --Barbara Rodella